Dimissioni IPab, Rucco a Turra: «Quello contromano sei tu”

La dura lettera del sindaco al presidente dell'istituto dopo la bufera dei giorni scorsi

“Siamo stati oggetto in queste settimane di inammissibili e pretestuose interferenze attuate dalla nuova amministrazione comunale. E’ palese ormai la mancanza di fiducia nei nostri confronti, il che ci impedisce di portare avanti il nostro lavoro a favore dell’ente. Siamo qui a titolo praticamente gratuito, contrariamente a precedenti consigli di amministrazione, con l’intento di dare il nostro contributo e la nostra professionalità a favore della collettività" sono questi i toni della polemica di Lucio Turra, presidente di Ipab di Vicenza, che venerdì ha annunciato le proprie dimissioni e quelle del Cda. 

Parole dure alle quali sabato il sindaco ha replicato: 

Invito il presidente Turra a fare una riflessione: se tutti vanno nella direzione contraria alla tua, vuol dire che quello contromano sei tu. Non ci si può lamentare di avere rapporti tesi con gli enti con cui si è chiamati a collaborare e pensare di essere gli unici ad avere ragione. A questo punto ringrazio lui e l'intero di Cda per essersi dimessi: un gesto di decenza, se davvero pensano quello che hanno dichiarato ieri ai giornalisti. E lo sottolineo: ai giornalisti. Neppure la correttezza istituzionale di confrontarsi con l'ente che li ha nominati, il coraggio di chiarirsi direttamente con gli enti che accusano.

Personalmente non ho mai chiesto, nè in pubblico nè in privato, le dimissioni del Cda. Ho invece chiesto un incontro ufficiale dopo che sono stato eletto sindaco, ottenendolo a distanza di tre mesi. A Quell'incontro, puramente conoscitivo, io stesso ho invitato il Cda a continuare ad operare con la serenità necessaria per potere bene amministrare un ente delicato come Ipab. 

Solo nei mesi successivi sono venuto a conoscenza delle sanzioni a carico di Ipab, risalenti a parecchio tempo prima ma mai comunicateci. Siamo anche stati contattati dai sindacati, che ci hanno espresso le proprie perplessità in merito al personale e al bilancio. Da qui è nata la richiesta del Consiglio comunale di un'ispezione da parte della Regione. Nella convinzione che, comunque, non teme un'ispezione chi non ha nulla da nascondere.

La nostra priorità, ora, è portare avanti il progetto che farà ottenere a Ipab il contributo  di 5 milioni di euro dalla Regione, necessari per offrire servizi agli utenti. Mi aspetto che il Cda si impegni in tal senso, visto che dovrà rimanere in carica fino a che non sarà formalmente sostituito. Per il resto mi rimetto alla Regione, da cui attendiamo di sapere se sarà necessario prevedere un commissariamento temporaneo. In caso contrario provvederemo quanto prima a nominare il nuovo Cda. 

Abbiamo un unico obiettivo: che Ipab funzioni e funzioni bene, nel rispetto delle persone di cui si occupa. La politica qua non c'entra. C'entra la competenza gestionale e la capacità manageriale. Questo chiediamo non solo al Cda di Ipab, ma a tutti gli amministratori che siamo chiamati a nominare. Chi pensa a spartizioni politiche non ha capito che l'aria è cambiata.

Potrebbe interessarti

  • Scopri come igienizzare la lavatrice, con il caldo è una operazione da fare

  • Scopri i top 4 agriturismo per l'estate a Vicenza: freschi, per bambini, con buona cucina

  • Drunken Duck: ecco l'accusa

  • Come allontanare gli scarafaggi: rimedi efficaci

I più letti della settimana

  • Inferno in A4: schianto tra 4 tir, un morto

  • Scopri come igienizzare la lavatrice, con il caldo è una operazione da fare

  • Tragedia all'alba: 17enne trovata senza vita dai genitori

  • Allarme climatico per il caldo torrido: picco a 40 gradi

  • Malore fatale in bici: ciclista perde la vita

  • In arrivo il caldo estremo: anziani e bimbi a rischio

Torna su
VicenzaToday è in caricamento