Pfas, M5S presenta il progetto Waterplas: pronta la replica dell'assessore Bottacin

"Le acque inquinate si possono depurare, lo dice uno studio di ricercatori dell'Università di Padova portato in Consiglio regionale". A darne notizia sono i consiglieri pentastellati. Dichiarazioni che hanno acceso un confronto infuocato in Regione

Si chiaMa WaterPlas ed e' un progetto innovativo di depurazione delle acque inquinate da Pfas, presentato a cura del Gruppo Consigliare del MoVimento 5 Stelle. “Ormai due anni e mezzo fa, gia' avevamo portato all'attenzione del governo regionale uno studio dell'Università di Pisa sull'uso dei microrganismi – ricorda Manuel Brusco, presidente della commissione regionale d'inchiesta sul grave fenomeno di inquinamento – oggi proponiamo un rimedio nuovo ed economicamente accessibile, prodotto da un team dell'università di Padova , sulla scorta di studi , tra l'altro finanziati proprio dalla Regione.”

I ricercatori MirKo Magarotto, Cristina Paradisi ed Ester Marotta hanno illustrato come la tecnologia attualmente usata per rimuovere i pfas dall'acqua, utilizzi filtri a carboni attivi che si saturano rapidamente e diventano materiale da smaltire in quantità enormi. Le nuova tecnica prevede invece il trattamento con il cosiddetto Plasma Freddo, cioe' in sostanza una reazione innescata nello strato di aria sopra l'acqua inquinata, mediante scariche elettriche.

I test effettuati dai ricercatori , hanno dimostrato come in tempi rapidissimi questa tecnologia riesca ad abbattere il 90% dell'inquinamento da Pfas. Serve ancora un periodo di studi, ma- hanno annunciato i ricercatori – entro un anno si potrebbe passare alla fase di applicazione concreta.

“Ora si tratta di sostenere il progetto e svilupparlo – dice Erika Baldin, consigliera regionale m5s – e quindi di capire quali siano le intenzioni del Governo Regionale.. Il territorio veneto è gia' fin troppo compromesso. Quando una sola industria riesce ad inquinare l'ambiente di tre province- come accaduto per la Miteni di Trissino, vuol dire che la situazione è fuori controllo. Noi non vogliamo innescare polemiche di partito, ma farci portatori delle migliori proposte”

“Noi del MoVimento 5 Stelle – riprende Manuel Brusco – abbiamo denunciato tutto in tempi non sospetti , ma qualcuno ha voluto chiudere gli occhi. Ora la questione ambientale è e sarà la nostra battaglia, in Veneto e fuori. Non deve esserci più spazio per sfuggire alle responsabilità: oggi – pero'- abbiamo portato una proposta che non deve avere alcun cappello politico, ma il significato di mettere in contatto le eccellenze della ricerca veneta con chi le deve valorizzare.”

Dichiarazioni alle quali l'assessore regionale all'ambiente Gianpaolo Bottacin ha voluto replicare: “Sono rammaricato che qualcuno abbia pensato di distruggere qualsiasi regola istituzionale e schema che la Giunta si era data con l'Università, istituzione seria, con cui abbiamo da sempre proficue collaborazioni. La mia delibera e il conseguente contratto tra Giunta e Università prevede che l'esito della ricerca finanziata dalla Giunta vada presentato alla Giunta stessa prima di esser divulgato. Sottolineo che l’accordo con l’Università di Padova per gli aspetti chimici e quello con l’Università di Verona per gli aspetti biologici sono stati definiti con una mia delibera di giunta. E, infatti, eravamo in attesa della data di presentazione dei dati con successiva immediata conferenza stampa". 

"A me non serve alcun anello di congiunzione tra Università e assessorato. - sottolinea Bottacin - Dal punto di vista formale esiste un contratto che regola i rapporti e dal punto di vista informale ci sono interlocuzioni costanti. Se i consiglieri del M5S vogliono dimostrare una qualsiasi utilità per i cittadini, facciano da anello di congiunzione con il Ministro Costa, che da un anno e mezzo ha promesso di mettere i limiti sui PFAS e ad oggi non ha fatto nulla. Il vuoto pneumatico. Nessuna iniziativa concreta del ministro pentastellato relativamente ai PFAS. E questo nonostante le ripetute richieste del sottoscritto, a cui si sono uniti altri colleghi e soprattutto dei cittadini. Se il M5S vuole avere un minimo di credibilità, visto che gestisce da tempo il Ministero dell'ambiente inizi a fare qualcosa. O forse è più urgente la tassa sui motori a benzina, quella sui motori diesel, quella sui carburanti per i trasportatori, quella per gli agricoltori ecc. ecc.?"

"Mettano i limiti - conclude - Io li ho messi e sono sottoposto a 42 ricorsi per 98 milioni di richieste danni perché qualcuno sostiene che non competenza della Regione mettere i limiti. E loro cosa fanno? Hanno forse paura delle lobbies? Anziché presentare le iniziative del sottoscritto, inizino a fare qualcosa.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Previsioni meteo per la settimana, arriva l'inverno: temperature sotto zero

  • Camilla non ce l'ha fatta, dopo dieci giorni di agonia la 19enne è morta

  • Malore fatale sul posto di lavoro: giovane papà di due bambini perde la vita

  • Spiedo, grigliata che bontà: scopri dove mangiare le migliori del vicentino

  • Terribile schianto fra tre auto: due conducenti feriti

  • Tragedia lungo la A1, camionista muore schiacciato dal suo bisonte

Torna su
VicenzaToday è in caricamento