Pedemontana, è scontro di governo: "Opera strategica e fondamentale"

La Lega difende l'operato della Regione mentre il ministro Toninelli smentisce quanto uscito su alcuni giornali: "La Pedemontana mi preoccupa rispetto al suo livello di sostenibilità finanziaria - aggiunge - sia in termini di costruzione che di gestione"

il ministro Danilo Toninelli (foto Today)

“La Pedemontana è un’opera strategica e fondamentale per il Veneto e per il Paese, necessaria per gli utenti e per il mondo produttivo. La Lega da sempre sostiene l’importanza di questa infrastruttura, per la quale sono stati trovati i finanziamenti e sono stati avviati i cantieri.

È opportuno ricordare che la Regione Veneto ha risposto già da due giorni alla Corte dei Conti. Avanti così, senza marce indietro o ripensamenti: i lavori devono procedere spediti e terminare quanto prima per migliorare sensibilmente la vita e il lavoro di milioni di cittadini Veneti”.

Lo dichiarano i parlamentari veneti della Lega a pochi giorni dall'arrivo sul tavolo del governatore del Veneto, Luca Zaia, della stangata della Corte dei Conti, pubblicata in anteprima da questo giornale. 

Pedemontana: La relazione della Corte dei Conti

La risposta della Regione Veneto

"Ho letto con sorpresa i giornali veneti, secondo cui il mio ministero avrebbe dato l'avallo a un'opera di quantomeno dubbia sostenibilità come la Pedemontana veneta. Lo smentisco. Ricordo che l'infrastruttura è sotto la responsabilità del concedente Regione Veneto e che l'elenco, nel Def, delle opere sottoposte all'analisi costi-benefici non è esaustivo".

Lo dice in una nota, riposrtata dall'Ansa, il ministro alle infrastrutture e ai Trasporti, Danilo Toninelli, in relazione alle notizie sul via libera senza restrizioni alla grande opera. "Peraltro la Pedemontana mi preoccupa rispetto al suo livello di sostenibilità finanziaria - aggiunge - sia in termini di costruzione che di gestione e non vorrei che ci fossero, per il concessionario, condizioni di favore ancora maggiori rispetto a quelle che il Governo sta cercando di modificare in relazione ad altre convenzioni autostradali. Anche se la vigilanza dell'Autorità di regolazione dei trasporti, che stiamo rafforzando, contribuirà a garantire l'equità e l'interesse pubblico".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplode ordigno bellico: un ferito grave

  • Vittorio Brumotti aggredito in Campo Marzo: preso a sassate durante le riprese

  • Trovata morta in casa, Fabiola stroncata da un'intossicazione acuta

  • Strage di Kitzbühel, tra le vittime il portiere Florian Janny: mondo dell'hockey sotto shock

  • "Ciao Antonio", il liceo Fogazzaro piange l'amato prof. Busolo Cerin

  • Malore andando a funghi: muore a 57 anni

Torna su
VicenzaToday è in caricamento