Aim, ecco il nuovo amministratore unico: è il vicentino Paolo Colla

Questa mattina l'attesa nomina del successore di Roberto Fazioli al vertice della multiutility. Paolo Colla è un manager di formazione liberale, è stato consigliere del ministro Altissimo negli anni '80

Paolo Colla (a sinistra) presentato dal sindaco Achille Variati (a destra)

Il successore di Roberto Fazioli alla guida di Aim è stato annunciato questa mattina dal sindaco Achille Variati. Il nuovo amministratore unico della multiutility vicentina - che non avrà più un consiglio di amministrazione ma appunto un unico amministratore - è Paolo Colla. Vicentino, di 54 anni, Colla ha lavorato negli ultimi 25 anni in diverse imprese fra Trieste, Milano, Genova, Ferrara, Rovigo, Torino, facendo il direttore commerciale e di marketing, e occupandosi anche di relazioni sindacali e gestione del personale. Il suo nome è stata una sorpresa, anche per i consiglieri comunali di maggioranza a cui il sindaco ha rivelato solo in mattinata la scelta fatta.

Attualmente Colla è consigliere di amministrazione della Dinon Group Spa, industria alimentare di Porto Viro (Rovigo). La sua formazione è liberale: consigliere comunale del Pli a Vicenza dal 1980 al 1981, segretario nazionale della gioventù liberale italiana dal 1981 al 1983, poi responsabile degli enti locali per lo stesso partito e infine, dal 1986 al 1987, consigliere economico dell'allora Ministro dell'Industria Renato Altissimo.

Un tecnico, quindi, ma anche una persona dalla spiccata sensibilità politica, chiamato a guidare l'azienda controllata dal Comune dopo la scadenza del mandato del "risanatore" Fazioli. Nel 2006 è confluito nell'associazione "Nessuno escluso" animata dal consigliere provinciale del Pd ed ex liberale Matteo Quero. "Il suo mandato durerà fino alla scadenza del mio mandato di sindaco - ha detto Achille Variati presentandolo - Il macro indirizzo che è a lui affidato è l'uscita dei servizi locali dagli affidamenti diretti, confrontandosi con il mercato. La parola d'ordine sarà: gare. Ma anche no a qualsiasi forma di svendita di un patrimonio della città. Bisogna rispettare il risultato dei referendum di giugno, che non si riferiva solo all'acqua ma a tutti i servizi pubblici locali". Aim quindi uscirà dalla gestione strettamente "in house" seguita dal presidente uscente Roberto Fazioli, per competere sul mercato cercando di vincere le gare di assegnazione dei servizi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore dopo il lavoro: muore barista 46enne

  • La Putana, storia del dolce tipico vicentino

  • Schianto tra auto e furgoncino all'ora di pranzo: conducente incastrato tra le lamiere

  • Frontale tra due auto, tre feriti: gravissimo un anziano 

  • L'influenza è arrivata, tantissimi casi nel vicentino. Come prevenirla

  • Grande fratello vip, le confessioni di Paola Di Benedetto sul fidanzato Federico Rossi

Torna su
VicenzaToday è in caricamento