"La mannaia di Poste Italiane su tre comuni vicentini"

Interrogazione della deputata del Movimento 5 stelle in commissione trasporti, poste e telecomunicazioni alla camera

Il Governo garantisca il servizio universale di corrispondenza su tutto il territorio nazionale, compromesso dal contratto di programma 2015-2019 tra Poste Italiane e Ministero dello Sviluppo Economico, che, con il cosiddetto Piano di razionalizzazione, ha introdotto la consegna a giorni alterni della corrispondenza e ha dato il via alla chiusura di numerosi uffici postali nei piccoli centri, privando così moltissimi Comuni italiani di un servizio essenziale, come appunto quello postale, per il quale Poste incassa 262,4 milioni di euro l’anno di soldi pubblici”.

E’ questo, in sintesi, il commento della Deputata Spessotto a margine del question time promosso in commissione trasporti, poste e telecomunicazioni alla Camera. “Una nuova ondata di tagli che ha prodotto tonnellate di missive in giacenza, con bollette consegnate anche dopo la scadenza, e compromettendo persino invii prioritari, come raccomandate dell’Inps, avvisi di Equitalia e telegrammi.

I comuni vicentini interessati sono Cismon del Grappa, San Nazario e Valstagna.

Non solo – spiega Spessotto - questo scellerato piano di riorganizzazione, messo in atto con il benestare del Governo e che andrà a regime ad inizio 2018 e coinvolgerà circa 4300 Comuni, contrasta a nostro avviso con le norme Ue che obbligano gli Stati membri ad assicurare la raccolta e la distribuzione degli invii postali al domicilio del destinatario ‘come minimo cinque giorni lavorativi a settimana’ (e non come fa poste, per 5 giorni ogni 2 settimane) e che, solo in presenza di circostanze o condizioni geografiche eccezionali, sia ammissibile la fornitura per un numero inferiore di giorni.

Profili di eccezionalità che, per ammissione delle stesse Poste Italiane, sono assenti: difendendosi davanti al TAR, Poste Italiane ha infatti ammesso che la riduzione del servizio non dipende da particolari difficoltà nel raggiungere le località interessate bensì da un mero calcolo di convenienza economica.

Anche il Parlamento europeo è intervenuto sulla materia: oltre un anno fa ha approvato una risoluzione che ribadiva la necessità, da parte degli Stati Ue, di garantire il servizio universale e il mantenimento degli sportelli postali proprio in quelle aree remote, montane, disagiate e a maggiore rischio di isolamento. Allora perché l’Italia sta facendo tutto l’opposto, rischiando di incorrere in una procedura d’infrazione europea per violazione del diritto degli utenti? Un ulteriore danno che sarà scaricato sulle teste e sulle tasche dei cittadini”.

Potrebbe interessarti

  • Lo zenzero fa male? I casi in cui è meglio evitarlo

  • Scopri tutti gli usi del bicarbonato di sodio: ecco quelli che non ti aspetteresti mai

  • Lo yoga è in gran voga anche a Vicenza: scopri i benefici e dove praticarlo

  • Bagno al mare: quanto tempo bisogna aspettare prima di farlo?

I più letti della settimana

  • Strage di polli nel devastante rogo: incendio ai confini del Vicentino

  • Via di casa per un giorno, parte l'allarme: 21enne torna a casa sano e salvo

  • Malore improvviso: perde il controllo del mezzo e ferisce gravemente un operaio

  • Negata l'acqua a due ciclisti: il caso sulla stampa nazionale

  • Frontale tra due auto, tre feriti: patente ritirata a un anziano

  • Brividi a Marostica: il poeta cantautore incanta piazza degli Scacchi

Torna su
VicenzaToday è in caricamento