L'ombra della camorra sul "caso Pantani", Lega: «Indaghi l'antimafia»

"Un'inchiesta su eventuali infiltrazioni mafiose nel Giro d'Italia". E' quanto chiede il deputato bassanese della Lega Germano Racchella al Presidente della Commissione parlamentare Antimafia

"La scoperta, a distanza di 17 anni, che Marco Pantani non si è mai dopato e che tramite la deplasmazione il suo sangue fu alterato per far risultare un ematocrito superiore al consentito escludendo così il ciclista dalla gara nel 1999 - il deputato bassanese della Lega Germano Racchella -, ha fatto emergere il giro d'affari dei clan partenopei che avrebbero dovuto pagare troppe vincite per le scommesse clandestine.

Proprio sulla base di questo, nella scorsa legislatura l'attuale sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento, Guido Guidesi, aveva già chiesto alla Commissione Antimafia di indagare. Vogliamo continuare questa battaglia per accertare la verità. Chi ama lo sport ama il Giro d'Italia e il ciclismo a tutti i suoi livelli. Io stesso l'ho praticato sin da giovanissimo a livello agonistico e tuttora lo faccio a livello amatoriale. Vogliamo che le istituzioni vadano fino in fondo sul grado di infiltrazioni mafiose in questa manifestazione storica dello sport italiano".

Potrebbe interessarti

  • Il buon giorno inizia con una buona colazione: scopri le top 4 pasticcerie di Vicenza

  • Lo zenzero fa male? I casi in cui è meglio evitarlo

  • Come igienizzare i bidoni della spazzatura: è necessario farlo spesso con il caldo

  • Scopri come costruire un barbecue in giardino: è facile e si risparmia

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: operaio muore schiacciato da una trave

  • Superenalotto, la dea bendata premia il Veneto: puntata vincente nel Vicentino

  • Incidente in piscina, la 12enne non ce l'ha fatta

  • Ritrovato da una coppia l'imprenditore scomparso: riconosciuto grazie a Facebook

  • Maltempo in arrivo, scatta l'allerta in Veneto

  • Cade nel fiume e muore annegato: inutile la "catena" dei passanti

Torna su
VicenzaToday è in caricamento