Isola ecologica in zona Livelon, "Da adesso in poi" interroga l'assessore Siotto

“Il rischio è che l’area diventi una discarica a cielo aperto, trovandosi ai confini del Comune di Vicenza, ai margini di una strada di grande passaggio, in una zona nascosta e priva di case", sostiene Giampaolo Giacon del direttivo dell'Associazione

I rifiuti abbandonati in zona Livelon

Il capogruppo di Da adesso in Poi Giovanni Selmo e Giampaolo Giacon, del direttivo dell'Associazione, hanno presentato un'interrogazione all'assessore Siotto riguardo la nuova area ecologica prevista in zona Livelon a Polegge. Quale sarà la nuova area ecologica nei pressi del Livelon? Questo il quesito posto all'Amministrazione.

“Se l’assessore si riferisce all’area recintata e incolta che si incontra vicino al recinto con i pony dell’Azienda Agricola La Meridiana, sorge più di qualche problema - sostiene il consigliere comunale Selmo - Da chi e come verrà controllata questa nuova area ecologica? Com’è possibile che i frequentatori irrispettosi del “Livelon beach”, che
dista qualche centinaio di metri, portino in quel luogo i propri rifiuti, se non sfruttano nemmeno i bidoni posizionati nei pressi del fiume?”

“In questi giorni abbiamo potuto documentare che i soliti ignoti hanno già provveduto prendere in parola il Comune, scaricando illegalmente al di là della recinzione grandi sacchi di immondizie - sostiene Giampaolo Giacon, del direttivo di Da adesso in Poi e residente in quartiere - Il rischio è che l’area ecologica diventi una discarica a cielo aperto, trovandosi il Livelon ai confini del Comune di Vicenza, ai margini di una strada di grande passaggio, in una zona nascosta e priva di case: meta ideale per chi intende disfarsi dei propri rifiuti senza criterio alcuno”.

“Crediamo - semplicemente - che sarebbero utili più passaggi settimanali di pulizia da parte degli operatori ecologici di Aim, durante la stagione estiva – sostengono Selmo e Giacon – assieme ad una campagna educativa con tabelle informative che invitino a portare i rifiuti a casa e che incentivi la raccolta differenziata, ricordando che l’area è
sorvegliata” . Manca, infatti, una chiara segnalazione che ricordi ai trasgressori che saranno sanzionati. “Magari in più lingue, visto che la grande maggioranza dei frequentatori è straniera”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allerta meteo, occhi puntati sul Bacchiglione: piena prevista per mezzanotte

  • Contributi fino a 1000 euro per trasformare l'auto in Gpl o metano

  • Fatture false con una società "cartiera": sequestrati 680mila euro a una SpA

  • Terribile incidente sul lavoro: operaio subisce l'amputazione di un piede

  • Pedone investito post tamponamento tra auto: strada chiusa, pesanti disagi sul traffico

  • In escursione su Cima Mandriolo con il cane, l'animale si sporge e precipita nel vuoto

Torna su
VicenzaToday è in caricamento