Elezioni in Emilia Romagna, il commento di Variati: «Pesantissima sconfitta di Salvini»

Il governatore uscente dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini si riconferma alla guida della Regione. Il commento del vicentino sottosegretario all’Interno

Bonaccini (foto Ansa)

È dStefano Bonaccini la vittoria delle elezioni regionali in Emilia Romagna del 26 gennaio 2020. Il presidente uscente viene così riconfermato, e con risultati netti: con ormai tutte le sezioni scrutinate la coalizione di centrosinistra che sostiene Bonaccini incassa il 51,4 per cento dei voti validi, e cioè abbondantemente oltre un milione di prefrenze. Una vittoria che, come è noto, aveva la valenza di un termometro a livello nazionale e ha sancito la sconfitta di Matteo Salvini. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Per la terza volta in pochi mesi, Salvini subisce una pesantissima sconfitta - è il commento del Sottosegretario all’Interno, il vicentino Achille Variati - La prima è stata la scommessa sbagliata di far cadere il suo stesso governo, convinto com’era che nessuno si sarebbe rimboccato le maniche per rimettere a posto i disastri che aveva lasciato. La seconda, quella di aver preteso di rappresentare, lui solo, il volere del popolo e la piazza del nostro grande Paese: il movimento delle Sardine ha dimostrato in modo chiarissimo che le piazze si possono riempire anche di gente che rifiuta la paura, l’odio, la discriminazione. La terza volta personalizzando le elezioni in Emilia Romagna, arrivando a offuscare il proprio candidato  governatore con la tesi che queste elezioni sarebbero state un referendum su di lui, e poi conducendo una campagna talmente forsennata e gridata, condita di episodi squadristici che sfociano nell’illegalità, da finire per spaventare i moderati. Tutti e tre sono stati errori dettati dalla vanità e dall’arroganza dell’uomo Salvini. Ora dobbiamo infliggergli la quarta sconfitta, la sconfitta del Salvinismo: dimostrando che è possibile fare le giuste scelte di governo e su queste costruire un consenso sociale non basato sulla paura ma sulla speranza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal 1 giugno l'obbligo di mascherina all'aperto non c'è più

  • Riapertura di asilo, materne, centri estivi e le novità per la scuola a settembre

  • Eclissi: in arrivo lo spettacolo della 'Luna delle Fragole'

  • Runner sale sulla cresta, scivola e fa un volo di un centinaio di metri: muore 37enne

  • Coronavirus, stop mascherine all'aperto: nuova ordinanza di Zaia

  • Bonus casa 110%: tutte le informazioni per ristrutturare a costo zero

Torna su
VicenzaToday è in caricamento