"Bastava gettarli in mare": bufera sul consigliere di Forza Italia Dalla Negra

Un post a commento della notizia del traghetto devastato da 50 migranti durante il viaggio di rimpatrio ha scatenato la reazione del vice sindaco Jacopo Bulgarini d'Elci: "Non è vero che necessariamente "nomen omen", che il destino sia iscritto nel nome. Insomma, puoi chiamarti Dalla Negra ma comunque non essere razzista"

Il post dell'assessore Dalla Negra

E' polemica social tra il consigliere comunale di Forza Italia Michele Dalla Negra e il vice sindaco Jacopo Bulgarini d'Elci. Oggetto della questione è un post del primo a commento della notizia sul traghetto della Tirrenia devastato da 50 migranti durante il viaggio di rimpatrio: "Bastava gettarli da dove sono venuti, in mare!" ha scritto l'avvocato. 

"Michele Dalla Negra, propone l'uccisione di 50 persone. E molti suoi supporter esultano - scrive sulla sua pagina Facebook Bulgarini - Il sobrio commento costringe a un paio di domande. Detto che a tutti, ma proprio a tutti, la notizia del comportamento di questi delinquenti che giustamente erano in corso di espulsione dall'Italia fa girare a mille le scatole (non dico di più perché sennò poi mi accusano di scurrilità), le domande sono: il compito di un politico è proporre soluzioni per affrontare i problemi o fomentare i peggiori rigurgiti di una società già in fortissima tensione? Veramente pensiamo che proporre il massacro di 50 persone sia la risposta giusta, equilibrata, ragionevole al danneggiamento della nave che li stava rimpatriando verso i paesi d'origine? Più in generale: siamo arrivati a questo, che un politico si senta libero di proporre l'uccisione di una cinquantina di esseri umani e che un bel po' di persone si sentano libere di esultare, brindare o proporre "il modello argentino", come appare dai commenti su FB al post di Dalla Negra?"

Il vicesindaco prosegue: "Cosa pensa Forza Italia, vicentina, regionale, nazionale, della proposta stragista del proprio consigliere? Cosa ne pensa il Ministero dell'Interno? Ma la sera, andando a dormire dopo aver scritto una bestialità come questa, il consigliere di Forza Italia in questione si sente in pace con la propria coscienza? O almeno un poco, un pochino, si vergogna per aver contribuito a rendere il mondo un posto ancora peggiore di quanto già non sia?". 

Non manca la stoccata finale: "Gli voglio dire con affetto: non è vero che necessariamente "nomen omen", che il destino sia iscritto nel nome. Insomma, puoi chiamarti Dalla Negra ma comunque non essere razzista. Dai, proviamoci". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore dopo il lavoro: muore barista 46enne

  • La Putana, storia del dolce tipico vicentino

  • Papà di due bimbi muore all'età di 42 anni, dolore e rabbia sui social: "Ciao Japo"

  • Frontale tra due auto, tre feriti: gravissimo un anziano 

  • Bollo auto, le novità del 2020: a chi spettano gli sconti

  • Centro massaggi a luci rosse: blitz della GdF

Torna su
VicenzaToday è in caricamento