Limiti sui Pfas: ennesimo sollecito della Regione Veneto al Ministero

Il parlamentino veneto ha approvato all'unanimità una mozione presentata dai consiglieri Guarda e Zanoni per chiedere una maggiore tempestività sulla questione

In foto i consiglieri Guarda e Zanoni (foto: Facebook)

“Da quattordici mesi il ministro pentastellato promette di porre i limiti, ma, ad oggi, come risposta abbiamo avuto meno del vuoto pneumatico. Bene che anche i promotori della mozione abbiano colto l'inerzia del Ministero e la necessità di sollecitare il Governo sul tema”. Lo afferma l'assessore regionale all'Ambiente Gianpaolo Bottacin a commento dell'approvazione della mozione.

“Lo scorso aprile è emerso, dopo anni che lo dicevo, - sottolinea Bottacin - che nel Po transitano quantitativi di PFAS 2000 volte superiori a quelli usciti dal sito Miteni. Il 6 maggio il ministro ha annunciato un tavolo tecnico per definire i limiti, ma tale tavolo non è mai stato convocato. Il 24 maggio il ministro ha annunciato che entro giugno avrebbe approvato il Decreto. Il 26 giugno, via twitter il ministro ha dichiarato che la settimana successiva avrebbe firmato il decreto interministeriale per determinare i limiti PFAS, evidenziando che per noi devono essere zero.”

“Ad oggi non risulta ancora nulla –prosegue l’assessore - il M5S mi ha sempre accusato di mettere a rischio la salute dei cittadini su questa questione. Tuttavia la realtà è che la Regione ed io i limiti li avevamo messi, mentre il loro ministro in quattordici mesi no. Peccato perché anche la Commissione bicamerale ecoreati ha stabilito inequivocabilmente che i limiti sono competenza dello Stato. E proprio per essermi sostituito alla mancanza dello Stato, io sono sottoposto a 43 ricorsi con 98 milioni di richieste danni.”

“Mi auguro che prima o poi il ministro grillino inizi a fare il ministro. Il M5S tiri fuori un po' di coraggio e dimostri di sapersi assumere qualche responsabilità - conclude Bottacin - la mozione è stata approvata all'unanimità, anche da tutti i consiglieri del M5S e, quindi, mi aspetto che nel giro di qualche giorno Costa ponga i limiti. Vedremo se almeno ai consiglieri del M5S sarà prestata attenzione. Viceversa sarà chiaro a tutti che il Veneto non viene ascoltato dal ministro neppure in situazioni gravi come quella dei PFAS."

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittorio Brumotti aggredito in Campo Marzo: preso a sassate durante le riprese

  • Ora solare 2019: conto alla rovescia per il cambio dell'ora (e presto ci saranno novità)

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie»

  • Tamponamento tra mezzi pesanti in A4: muore camionista vicentino

  • Precipita dalla ferrata: gravissimo 28enne

  • Divorziano dopo sessant'anni di matrimonio perchè lui vuole farsi prete

Torna su
VicenzaToday è in caricamento