Se lo porti con te in vacanza è obbligatorio: guida al passaporto per animali

Con il nostro amico a 4 zampe la vacanza è più bella, il condividere i momenti felici, vivere all'aria aperta, non lascialo solo e triste in una pensione ci viene ricompensato dal suo immenso affetto. Ricordate però che se oltrepassate i confini nazionali dovete munirvi di un passaporto. Guida alle procedure e ai documenti da presentare

Per i proprietari di cani, ogni periodo di vacanza richiede una decisione importante da prendere: portare il proprio animale in quella vacanza tanto necessaria  o affidarlo ad una pensione. Sempre più sono i viaggiatori che decidono di portare il loro cane o gatto con sè.

All' Ussl 8 di Vicenza è boom di richiesti di passaporto, il Servizio di sanità animale ne ha rilasciati 1.500 solo l'anno scorso.

Con il nostro amico a 4 zampe la vacanza è più bella, il condividere i momenti felici, vivere all'aria aperta, non lascialo solo e triste in una pensione ci viene ricompensato dal suo immenso affetto. Ricordate però che se oltrepassate i confini nazionali dovete munirivi di un passaporto.

Possono viaggiare liberamente in tutta Europa ma devono essere muniti del passaporto. Basta andare dal veterinario e richiedere uno di questi libretti. Un animale può viaggiare a tre condizioni. Ogni cane, gatto o furetto deve essere identificato con un microchip o un tatuaggio, deve ricevere l'antirabbica nei 30 giorni precedenti, in caso di primo vaccino, e deve avere un passaporto. Alcuni paesi richiedono trattamenti vermifughi nei cinque giorni precedenti la partenza. È bene consultare il veterinario per verificare se il paese di destinazione impone requisiti differenti. Durerà per tutta la vita dell'animale.

Come richiedere il Passaporto cani o di altro animale domestico 


A questo punto dovete presentarvi all’ambulatorio veterinario della Asl di competenza (per quelli che abitano a Vicenza in Via Servizi Veterinari - ULSS 8 Berica
Indirizzo: Viale Ferdinando Rodolfi, 37
Vicenza 
Telefono: 0444 753111

per tutte le info qui: https://www.aulss8.veneto.it/nodo.php/1819

DOCUMENTI:

– Carta d’identità  e codice fiscale se siete il diretto proprietario del cane, altrimenti dovete portare anche una delega firmata;

- Portate con voi il cane perché verrà  controllata la corrispondenza del microchip con quello segnato sul certificato di vaccinazione;

– Libretto sanitario del cane e certificato di vaccinazione antirabbica rilasciato dal veterinario;

– Ricevuta del versamento di 34€ da effettuare sul c/c Asl;

– Modulo di richiesta Passaporto Europeo compilato (se non lo avete scaricato da internet ve lo daranno sul posto).

Se sono già  trascorsi i 21 giorni dalla vaccinazione potrete ritirare il passaporto dopo 5 giorni lavorativi, in caso contrario dovrete aspettare i 21 giorni.

Fatto ciò siete pronti per partire, naturalmente verificate il paese dove dovrete recarvi perché per alcuni sono richieste vaccinazioni ulteriori, ma come sempre il vostro veterinario può essere una ottima fonte di informazioni.

Il passaporto, di forma tipografica standard, redatto in almeno una delle lingue ufficiali dello Stato membro di rilascio e in inglese, sostituisce tutte le altre certificazioni per gli spostamenti all'interno dei Paesi della UE.

Deve contenere:

- dati anagrafici
- elenco di tutte le vaccinazioni effettuate dall'animale
- visite mediche

Se state andando all'estero, consultate la documentazione richiesta dalle autorità di destinazione (il vostro veterinario sarà una buona fonte di informazioni). Per i viaggi all'interno dell'UE saranno necessari un passaporto, un chip di identificazione e una vaccinazione antirabbica; questa deve essere fatta 21 giorni prima del viaggio.

Controllate i regolamenti per uscire e rientrare; per esempio il cane deve avere almeno 15 settimane di età al momento del viaggio. Inoltre ci sono alcune eccezioni alle regole e i protocolli possono variare quando si viaggia fuori dell'UE; quindi controllate con il vostro veterinario solo per essere sicuri.

Pianificazione:il vostro amico a 4 zampe potrebbe aver bisogno di un trattamento contro certi tipi di infezioni da vermi e/o pulci da un veterinario 24 ore prima di viaggiare. 

Traghetto: La maggior parte delle compagnie di navigazione sfortunatamente non accettano cani sul ponte per viaggi brevi. Se questo è il caso e non vi sono alternative più sicure, si prega di verificare in anticipo con la compagnia di traghetti se potete andare da loro con frequenza durante il viaggio. Ricordatevi di lasciare sempre al vostro cane acqua fresca da bere così può rimanere fresco e idratato. Inoltre, nei giorni caldi o afosi assicuratevi che il vostro cane sia al sicuro. Viaggi più lunghi o con un pernottamento possono richiedere che indossi una museruola nei traggiti.

Documenti necessari per il passaporto


In generale per poter fare il passaporto al cane, gatto o furetto per poterlo portare all'estero, dovete presentarvi ai Servizi Veterinari dell'Ulss con i seguenti documenti:

  • documento di applicazione del microchip 
  • libretto con vaccinazione antirabbica, datata e firmata dal veterinario.
  • titolazione anticorpale per la rabbia
  • dovete poi anche portare il vostro animale affinché i Servizi Veterinari si sincerino della presenza del microchip. Alcune Asl permettono di non portare il cane, ma solo se il proprietario arriva corredato di certificato del veterinario curante che attesta che il cane ha il microchip e che è sano. Non tutte le Asl accettano tale procedura, quindi informatevi prima di recarvi all'Asl.
  • nel caso di cuccioli di età inferiore ai tre mesi, età minima per poter fare l'antirabbica, bisogna prima chiedere al paese di destinazione se è consentito l'ingresso di cani così piccoli. Se non è consentito, mettetevi l'animo in pace, lì i cuccioli non possono entrare. Se è permesso, dovete chiedere sia a loro sia all'Asl quale documentazione allegare al trasporto dei cuccioli.
  • il passaporto è rilasciato dai servizi veterinari dell'azienda sanitaria locale su richiesta del proprietario. Il rilascio per i cani è subordinato alla preventiva iscrizione all'anagrafe canina.Per gli spostamenti all'interno dei Paesi della UE di cani, gatti e furetti accompagnati dal proprietario o da persona che se ne assume la responsabilità per conto del proprietario il Regolamento (UE) 576/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 giugno 2013 prevede la necessità della identificazione degli animali:


 

Buon viaggio con il vostro fedele amico.

  

Potrebbe interessarti

  • Spiedo, grigliata: che bontà. Scopri le migliori del vicentino

  • Forno a microonde: i vantaggi e rischi per la salute

  • I sintomi, la diagnosi, la terapia per riconoscere e affrontare l’intolleranza al lattosio

  • Il parco è in condizioni pietose: «chiuso per degrado»

I più letti della settimana

  • Superenalotto, jackpot sfiorato: tripletta di cinque

  • Truffa della "compagnia telefonica": entrano nel telefonino e le svuotano il conto corrente

  • Zecca, Medusa, Zanzara, Cimice, Vespa, Calabrone, Vipera: cosa fare in caso di puntura

  • Dove sono gli autovelox? Te lo dice l'app del cellulare

  • Intervento miracoloso al San Bortolo: bimba di un anno salvata in extemis 

  • Devastante rogo in un'azienda agricola: danni ingenti

Torna su
VicenzaToday è in caricamento