Vicenza, Feste rock 2017: ecologiche e più ricche

La percentuale dei rifiuti riciclati correttamente, che ha raggiunto il 60%, si tradurrà in un risparmio per le casse comunali che verrà reinvestito in eventi l'anno successivo

Non solo musica e divertimento alle Feste rock ma anche cura per l’ambiente grazie ad un’attenta raccolta differenziata che ha fatto risparmiare ad alcuni organizzatori più del 60%.

Ha portato ottimi risultati, infatti, l’iniziativa promossa quest’anno nell’ambito delle Feste rock 2017 dall’ufficio politiche giovanili, con la collaborazione dell’assessorato alla progettazione e sostenibilità urbana, che aveva invitato gli organizzatori a prestare particolare attenzione in fase di differenziazione dei rifiuti in modo da ridurre la quantità di rifiuto non riciclabile e quindi aumentare di conseguenza la porzione riciclabile. Aim Ambiente, in linea con la propria strategia industriale che prevede investimenti economici per la promozione di una cultura e di una sensibilità attenta al riciclo, si è accollata i costi di raccolta dei rifiuti differenziati, chiedendo agli organizzatori di contribuire economicamente solo per lo smaltimento del rifiuto secco.

L’impegno e la responsabilità degli organizzatori di Riviera Folk Festival, Weekender (From Disco to Disco), Lumen Festival, Ferrock, Jamrock ha portato a risparmiare da un minimo del 13% ad un massimo del 62%. L’obiettivo è stato raggiunto invitando i cittadini ad una maggiore attenzione. Inoltre i volontari di ciascuna festa si occupavano personalmente di suddividere i rifiuti raccogliendo tra i tavoli piatti, posate e bicchieri dopo l’utilizzo. Il risparmio ottenuto si è tradotto in contributo economico da utilizzare per organizzare le feste nel 2018.

Giacomo Possamai, consigliere comunale delegato alle politiche giovanili

“Si è trattato di un vero e proprio test che ha dato degli ottimi frutti e che potrebbe essere replicato in altre situazioni – spiega -. Gli eventi pubblici, soprattutto nelle occasioni in cui c'è consumo di cibi e bevande, sono grandi produttori di rifiuti. Per questo, dal dialogo con l'assessore Dalla Pozza e con Aim Ambiente, è nata questa idea che desse un incentivo sia agli organizzatori che ai fruitori delle feste per porre maggiore attenzione alla raccolta differenziata. Il risultato è stato duplice: non solo abbiamo ottenuto un aumento significativo della quota di raccolta differenziata, ma abbiamo anche ottenuto un risparmio che potrà essere investito negli eventi del prossimo anno".

Antonio Dalla Pozza, assessore alla progettazione e sostenibilità urbana

“Quello della riduzione del quantitativo dei rifiuti e dell'aumento delle raccolte differenziate è da sempre un obiettivo dell'Assessorato all'Ambiente e di Aim Ambiente. Dopo le esperienze positive fatte con Festambiente, abbiamo allargato la sperimentazione - grazie agli stimoli del consigliere Possamai - alle altre feste rock estive, con risultati lusinghieri. Questo ulteriore passo in avanti ci consente di iniziare un ulteriore ragionamento da sottoporre per il prossimo anno alle tante sagre e feste patronali che si svolgono sul territorio comunale, con l'obiettivo di aumentare l'indice di raccolta differenziata, ridurre la parte residua del rifiuto, ed aiutare gli organizzatori a contenere i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti prodotti durante questi eventi di festa”.

Umberto Lago, Amministratore unico di Aim

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La politica di sensibilizzazione e di confronto di Aim Ambiente con tutte le realtà che sul territorio organizzano eventi occasionali, come sagre, feste patronali o concerti, sta progressivamente imboccando la giusta strada – segnala – in quanto in questi ultimi anni siamo passati da una attività di raccolta differenziata praticamente inesistente e sempre a carico della collettività, ad una maggiore e lusinghiera risposta degli organizzatori e dei frequentatori di questi numerosi eventi, che si traduce in rispetto dell’ambiente e minori costi in bolletta. In particolare, non possiamo che essere soddisfatti ed esprimere il nostro plauso, per la risposta così massiccia e convinta che su questo tema hanno dimostrato alcune feste rock”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal 2 giugno cade l'obbligo di mascherina all'aperto

  • Perde il controllo della moto e si schianta contro un muro: muore 22enne

  • Vicenza riparte, la prima giornata di fase 2 dopo il lockdown: il LIVE

  • Operazione "gomme da arresto": 5 indagati per frode, sequestrati beni per 11 milioni

  • Travolta da un'auto: muore donna di 55 anni

  • Stop agli assembramenti-spritz, Rucco firma l'ordinanza: aperitivo solo al bar

Torna su
VicenzaToday è in caricamento