Festa del Gnocco della Val Posina

  • Dove
    Impianti sportivi
    Indirizzo non disponibile
    Posina
  • Quando
    Dal 15/09/2019 al 16/09/2019
    sabato dalle 18, domenica dalle 11,30
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

I comuni della Val Posina hanno fatto delle loro patate, dalla farinosità perfetta, e dei gnocchi che preparano, una eccellenza e squisitezza che richiama moltissimi buongustai.
Tradizionalmente gli gnocchi vengono ancora conditi come in epoca rinascimentale, con burro fuso, cannella,  zucchero e formaggio grana grattugiato.
Questo fine settimana a Posina la "capitale" della valle si svolge la Festa del Gnocco della Val Posina, gli gnocchi fatti solo con le famose patate della zona certificate verranno proposti con una grande scelta di deliziosi sughi: al pomodoro, ragù, burro e salvia, ricotta affumicata o radicchio e pancetta, il resto bisogna scoprirlo andandoci.

Per fare degli gnocchi eccellenti ci vogliono le patate nostrane a pasta bianca, ricche di amido, e un po’ invecchiate, quindi più povere di acqua. In questo modo sarà possibile utilizzare meno farina durante l’impasto: questo è il segreto del gnocco di Posina piatto della tradizione valligiana conosciuto a tutti gli appassionati del buon cibo.

Durante la festa inoltre si potranno assaggiare le rinomate sopresse della Valle accompagnate da birra artigianale.

La Val Posina si raggiunge deviando dalla strada Provinciale 79 Valdastico verso Arsiero e da lì addentrandosi poi verso nord, lasciando la via per Tonezza, e seguendo le evidenti indicazioni.
E’ uno dei luoghi più suggestivi delle Prealpi altovicentine, per la varia conformazione delle montagne, la ricchezza dei boschi, la purezza della sua acqua, la cura dei campi, ove si producono i fagioli tipici “scalda” e “fasola”, patate ed ortaggi. Rinomata anche la produzione dei formaggi locali.

Il Monte Pasubio si erge infondo alla valle, meta di chi ama camminare verso panorami incantevoli e attraverso una natura vergine, costellata di storiche contrade di antiche case di pietra; ma si può raggiunge anche dal passo della Borcola, salendo a piedi per il sentiero europeo, dopo aver parcheggiato la auto. Di là si arriva in un paio di ore tranquillamente alle cime e ai pascoli in quota.
Dalla Val Posina si possono raggiungere altre mete, a 360°, verso vette di diverse altitudini, tra alberi di ciliegio, “masiere”(antichi terrazzamenti su pietra) campi, boschi di faggi, pecci e pini mugo.
Il clima in estate è sempre deliziosamente fresco e le acque del torrente Posina non smettono mai di risplendere limpide. In inverno il paesaggio è fiabesco e la buona cucina invita ad una gita, bella per la cornice di neve sui monti e gustosa per i piaceri della tavola: dai famosi gnocchi di patate alle trote allevate in zona, alla speciale sopressa. Molte iniziative in autunno e in primavera mantengono vive le tradizioni locali, come la festa della montagna e la passeggiata guidata nelle contrade.

SOLO LE MIGLIORI PATATE DELLA VAL POSINA SI TRASFORMANO IN GNOCCHI INSUPERABILI 

Festa del gnocco

Stand gastronomico negli impianti sportivi 

Sabato dalle ore 18,00

Domenica dalle ore 11,30

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Sagre, potrebbe interessarti

  • Festa del radicchio di Asigliano: specialità da leccarsi i baffi

    • Gratis
    • dal 5 al 8 dicembre 2019
  • Festa della “cincionela co’ la rava” a Chiampo

    • Gratis
    • dal 16 al 17 novembre 2019
    • Palatenda riscaldato
  • Sagra di San Nicola a Creazzo: specialità stinco di santo

    • Gratis
    • dal 27 novembre al 8 dicembre 2019
    • Olmo di Creazzo

I più visti

  • Le maestose statue di Dali a Vicenza

    • Gratis
    • dal 4 settembre 2019 al 26 gennaio 2020
    • Location Varie
  • Whoopi Goldberg presenta il suo libro a Bassano

    • Gratis
    • 30 novembre 2019
    • Libreria Palazzo Roberti
  • Festival del Mistero: tutti gli appuntamenti nel vicentino

    • Gratis
    • dal 26 ottobre al 30 novembre 2019
    • Location Varie
  • Kandinskij, Gončarova, Chagall: sacro e bellezza nell’arte russa

    • dal 5 ottobre 2019 al 26 gennaio 2020
    • ​Gallerie d’Italia di Palazzo Leoni Montanari
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    VicenzaToday è in caricamento