Il programma del "Festival Biblico 2016" a Vicenza

La 12^ edizione del "Festival Biblico" approderà nel capoluogo berico con un fitto calendario di appuntamenti tra spettacoli, mostre, incontri e manifestazioni in piazza sulla pace nel mondo dal 19 al 29 maggio

Festival Biblico a Vicenza (immagini di archivio)

Da giovedì 19 a domenica 29 maggio si svolgerà la 12^ edizione del "Festival Biblico" a Vicenza con incontri, laboratori, spettacoli, manifestazioni in piazza, eventi sportivi e mostre tematiche sulla pace nel mondo.


Martedì 17 maggio "Esplorificio7 ", lo spazio del Festival Biblico dedicato alle generazioni più giovani, organizzerà un incontro "in cammino" con John Mpaliza, noto attivista di origini congolesi da anni in Italia che, dal 2010, percorre le strade del mondo per incontrare governanti, parlamentari e gruppi di base per la pace nella Repubblica democratica del Congo e non solo. A un incontro mattutino con le scuole, seguirà una marcia nel tardo pomeriggio per sensibilizzare ai temi della sostenibilità e della giustizia, economica e sociale. L’evento si concluderà poi in centro a Vicenza con un aperitivo a "Pane Quotidiano". Per informazioni: esplorificio7@festivalbiblico.it.

Lunedì 23 maggio alle 20.30 si terrà l'incontro "Mamma Giustizia provvede per noi", una riflessione biblico-spirituale sul confronto tra giustizia umana e divina, presso la Chiesa di Ponte dei Nori a Valdagno in piazza Giovanni XXIII con gli interventi dello scrittore e saggista Palo Curtaz e del magistrato Mirko Margiocco.

Lunedì 23 maggio alle 20.45 ci sarà l'incontro "La cruna dell'ago" dal Vangelo secondo Matteo (versetti 19-23) sul tema della giustizia dei vangeli presso l'Oratorio San Antonio Abate di Rosà in via Capitano Alessio 42 con Don Giovanni Giacomelli.

Lunedì 23 maggio alle 21 si svolgerà l'incontro "Giustizia e pace si baceranno...in famiglia" con la presentazione della nuova collana di libri "Uomo Vivo: umorismo, vita di coppia, Dio" presso Villa Mattarello ad Arzignano davanti al Duomo Ognissanti sul senso della giustizia e sul desiderio di pace fra le nazioni, partendo da un percorso educativo nella famiglia lo scrittore e musicista Giuseppe Signorin e la cantante Anita Baldisserotto.

Martedì 24 maggio si terrà il concerto "Salmi per attraversare le frontiere" della cantante israeliana Diane Kaplan presso il chiostro del convento di Santa Maria del Cengio a Isola Vicentina. L'artista, accompagnata da Dana Karen, proporrà le melodie da lei composte per musicare i salmi nell'antica lingua originale, in arabo e in inglese.

Martedì 24 maggio ci sarà l'incontro "Pace a voi" sulle icone evangeliche della misericordia presso la Parrocchia San Clemente di Valdagno con un percorso di scoperta della misericordia contenuta nei vangeli attraverso una serie di immagini attraverso l'intervento del biblista e teologo Dario Vivian

Giovedì 26 maggio alle 20.45 al Tempio di San Lorenzo sarà lo storico Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant’Egidio, ad aprire gli intensi giorni del festival con una lezione sulla promozione della pace e un invito all’ascolto attento della Bibbia. Rivolgendo uno sguardo allo scenario internazionale, si rifletterà su una pace concretamente possibile attraverso un’azione collettiva e comunitaria.

Venerdì 27 maggio alle 9 è previsto l'incontro "Il Signore ti dia la pace!" alla Chiesa di Santo Stefano con il frate francescano conventuale Andrea Vaona con una meditazione sulla pace nella biografia di San Francesco: a seguire ci sarà il laboratorio sulla Bibbia Francescana "Andiamo a chiedere consiglio al Signore!", che richiama i passi biblici presenti nelle fonti francescane.

Venerdì 27 maggio alle 16 ci sarà la presentazione del libro "La Giustizia Capovolta" (Edizioni Paoline) di Don Francesco Occhetta, gesuita e redattore de "La Civiltà Cattolica", presso la struttura tenda del festival in piazza Duomo a Vicenza.

Venerdì 27 maggio alle 11 è in programma l'incontro "Dialoghi sul lavoro" presso il Palazzo delle Opere Sociali di Vicenza sui temi del lavoro come sfida di giustizia e pace, sull'armonia tra i lavoratori in un’epoca di erosione dei diritti e sul possibile concilio delle sfide familiari e dei tempi lavorativi con gli interventi del sociologo ed economista Mauro Magatti e del pedagogista Johnny Dotti insieme alla moderazione del giornalista Antonio Carnevale.

Venerdì 27 maggio alle 16 ci sarà l'incontro "Il Dio dell'ira e il Signore delle misericordie" presso il Palazzo delle Opere Sociali di Vicenza con un riflessione sulla giustizia nei primi testi della Bibbia, segnati spesso da violenza e vendetta insieme ai biblisti Federico Giuntoli e Aldo Martin.

Venerdì 27 maggio dalle 9.45 alle 10.15 si svolgerà la breve marcia "Il mondo che vorrei..." con più di mille bambini delle scuole di Vicenza e provincia dai portici del Santuario di Monte Berico fino al piazzale della Vittoria vicino alla Basilica stessa. Ogni scuola farà indossare ai suoi bambini una maglia di uno dei sette colori dell’arcobaleno per comporre così un gigantesco simbolo di pace.
Davanti alla Basilica di Monte Berico, alle 10.15, un migliaio di bimbi sarà coinvolto in un entusiasmante e colorato flashmob, che culminerà nel lancio dei palloncini con allegati messaggi di pace e la presentazione dei cartelloni realizzati nelle scuole, con i quali i bambini racconteranno così il "Mondo che vorrei…”.

Venerdì 27 maggio alle 20.30 è in calendario la performance di danza "Oro d'ore" a cura della compagnia "Naturalis Labor" con la coreografa Silvia Bertoncelli sui temi del Festival Biblico in piazza dei Signori a Vicenza. Lo spettacolo verrà ripetuto anche sabato 28 maggio alle 20.30 e domenica alle 11 sempre in piazza dei Signori a Vicenza.

Venerdì 27 maggio alle 20.45 verrà proiettato il film "L'esercito più piccolo del mondo" del regista Gianfranco Pannone con un viaggio nel mondo delle guardie svizzere a protezione del Papa presso il Cinema Araceli di Vicenza.

Venerdì 27 maggio alle 21.30 è in programma anche il concerto gratuito "Credo" dell'Orchestra di Piazza Vittorio (9 musicisti di estrazione e credo religioso diverso) nel segno del dialogo interculturale e dell'integrazione in tempi di estremismi religiosi e conflitti culturali presso piazza dei Signori a Vicenza.

Sabato 28 maggio, dalle 10.00 alle 19.00, è prevista la giornata più importante del "Festival Biblico". L’intero centro storico, accogliendo con spettacoli, laboratori, animazioni tutti coloro che sono alla ricerca di un momento di pace interiore, con gli altri, in famiglia, con gli amici. Un grande appuntamento dedicato agli affetti, al dialogo, alla creatività, al divertimento. Quartier generale piazza Biade per ritrovo, iscrizioni e partenza degli eventi itineranti, ma l’evento si diffonderà a macchia d’olio in tanti spazi aperti (piazza dei Signori, piazza delle Erbe, piazza Duomo ecc.). Conduttori d’eccezione Marco e Pippo che per l’occasione si sono inventati il "Marco e Pippo time", un mini spettacolo allo scoccare di ogni ora (10.00 - 11.00 - 12.00 - 15.00 - 16.00 - 17.00 in piazza Biade). Tantissimi i laboratori creativi per grandi e piccini: durante la giornata prosegue infatti l’iniziativaSEGNI di PACE per realizzare tanti disegni con cui costruire una grande scritta PACE. Ma i laboratori serviranno anche per dar vita a tanti "Fiori di Pace", con cui decorare l’aiuola di piazza Duomo. Tra le moltissime iniziative da segnalare le performance di danza con la Compagnia Naturalis Labor a cura di Silvia Bertoncelli (alle ore 12.30 e 16.30 in Piazza dei Signori) e le "5 tappe per la Pace", una speciale caccia al tesoro sulla pace ma anche alla scoperta di se stessi, degli altri, dei conflitti che possono emergere e che si possono superare. Inedita e originale l’idea per la pausa pranzo: il Giardino del Vescovo si apre per un grande pic-nic collettivo (dalle 13.00 alle 15.00). Ognuno potrà portare il proprio cibo oppure prenotare, con un piccolo contributo, il "pranzo al sacco" da ritirare all’attiguo Dabar, il cafè del Festival, grande novità di quest’anno. Durante il pic-nic saranno proposti "giochi dal mondo" a cura delle associazioni di cittadini stranieri presenti nel territorio. Alle 17.00 grande FlashMob in piazza dei Signori dove verrà composta la scritta PACE, fatta con tutti i disegni realizzati in questi mesi e durante la giornata. La giornata si concluderà alle 18 con lo spettacolo musicale "Brundibar - Il suonatore di organetto" al Teatro San Marco di Vicenza.

Sabato 28 maggio alle 10 è prevista la presentazione del testo di Sergio Paronetto, "Amare il mondo, creare la pace. Papa Francesco e Tonino Bello” (Edizioni Meridiana) sul rapporto tra la figura del vescovo Tonino Bello e papa Francesco presso l'Oratorio del Gonfalone di Vicenza.

Sabato 28 maggio alle 16.30 è in programma anche l'incontro con gli autori di "Fare Misericordia" (Collana Emi), Cristina Simonelli e Christian Albini, insieme al sacerdote don Giovanni Nicolini presso l'Oratorio del Gonfalone a Vicenza con piccoli suggerimenti per praticare un cristianesimo semplice, che metta insieme la prospettiva spirituale con quella sociale e politica.

Sabato 28 maggio ale 17.30 ci sarà anche l’approfondimento biblico di Paolo Curtaz, che presenta "Ritorno. Incontrare il Dio della Misericordia” nella struttura tenda del festival in piazza Duomo a Vicenza.

Sabato 28 maggio alle 18.30 è previsto l'incontro "La pace interiore" con il famoso psichiatra Vittorino Andreoli presso il Tempio di Santa Corona a Vicenza: si analizzeranno le parole pronunciate da Papa Francesco "Nel piccolo c'è tutto" per scandagliare l'animo di alcuni personaggi, che nella storia hanno deciso i destini dell'umanità, aiutando a scoprire le fragilità umane nello scenario mondiale.

Sabato 28 maggio alle 21 è in calendario la conversazione "Quale futuro per l'Africa?" con le storie e gli orizzonti futuri del continente dimenticato presso la struttura tenda del festival in piazza Duomo a Vicenza con gli interventi di Mauro Garofalo (mediatore internazionale), Anna Pozzi (giornalista) e Giandomenico Cortese (giornalista).

Sabato 28 maggio alle 21 ci sarà la conversazione "Reciprocità, giustiza e pace" presso il Palazzo delle Opere Sociali a Vicenza con gli interventi di Silvano Petrosino (filosofo), Maurizio Chiodi (teologo) e Leopoldo Sandonà (filosofo). 

Sabato 28 maggio alle 21.30 è in programma il concerto-reading "Mille Papaveri Rossi", ispirato ad un brano celebre di Fabrizio De Andrè, sulla pace nella canzone italiana in piazza dei Signori a Vicenza per un percorso di musica e parole, che dieci voci tutte femminili interpretano con commenti e racconti di Enrico de Angelis, giornalista e storico della canzone, insieme a letture di Sandra Ceriani. 

Domenica 29 maggio alle 15 nei giardini del Tempio di Santa Corona a Vicenza (repliche alle 16.30 e alle 18.00), la compagnia "Piccionaia" coinvolgerà il pubblico nel progetto "Silent Play", uno speciale spettacolo radioguidato dal titolo "Partire è un pò morire? Memorie del nostro fugimento" a cura di Carlo Presotto e Diego Dalla Via, dove lo spettatore diventa protagonista e vive un’esperienza dalla parte "di chi fugge e di chi assiste”, sperimentando come il gruppo possa influenzare relazioni e comportamenti, fino al conflitto, alla violenza e all’emarginazione.

Domenica 29 maggio alle 15 verrà approfondito il testo "Gerusalemme, dove tutti siamo nati” (Edizioni Terra Santa) in un incontro-testimonianza con don Antonio Mazzi nella struttura tenda del festival in piazza Duomo.


Domenica 29 maggio alle 19 in piazza dei Signori a Vicenza la chiusura del festival sarà affidata al dialogo tra le religioni, finalizzato all’incontro e alla collaborazione, per individuare vie comuni di pace e giustizia. Un altro significativo evento di piazza in cui Stefano Cavalli (cristiano), Kamel Layachi (islamico), Vittorio Robiati Bendaud (ebreo), Yoshizaku Tsumaraya (buddista) e Svamini Hamsananda Giri (induista), insieme al pubblico del festival, sono chiamati a testimoniare l’unità nella costruzione della Pace. Dopo una breve introduzione ogni religione lancerà un messaggio, cui seguirà un momento di silenzio e un momento simbolico finale comune, per rilanciare oltre il festival il messaggio di pace. Modera l’evento, Paolo Frizzi del movimento dei Focolari e docente di dialogo interreligioso. Introduce mons. Roberto Tommasi, docente di Filosofia e Presidente del Festival Biblico.

Mercoledì 1 giugno alle 18.30 "Dio non uccide" sarà l’intervento di Adolfo Pérez Esquivel, pacifista argentino e vincitore del Premio Nobel per la Pace nel 1980 per le sue denunce contro gli abusi della dittatura militare, al Palazzo delle Opere Sociali all’incontro "Festival - off”. Quella di Esquivel è una storia che i giovani devono conoscere.

Ben 8 le mostre da visitare durante il "Festival Biblico".

Al Palazzo delle Opere Sociali di Vicenza in piazza Duomo 2 ci sarà l'esposizione del reportage fotografico "Nostalghia. Viaggio tra i cristiani d’Oriente" a cura di Linda Dorigo e Andrea Milluzzi con il resoconto di un'esperienza tra le comunità cristiane di nove Paesi del Medio Oriente, Iraq, Iran, Libano, Egitto, Israele, Palestina, Giordania, Siria e Turchia come tetimonianza di luoghi e popoli martoriati (aperta dal 19 maggio).

La Galleria Celeste di Vicenza in contrà XX Settembre 56 ospiterà la mostra di artigianato locale "Donne per la Bosnia-Erzegovina per la pace" per dimostrare come le terre di guerra possono diventare laboratori di pace (aperta dal 19 maggio). 

Le due mostre "L'Esprit des Lieux" e "Insani" a Santa Corona e Palazzo Chiericati sono state annullate per problemi di carattere tecnico nell'allestimento: gli organizzatori si scusano del disagio. Nella cripta e cappella Valmarana di S. Corona a Vicenza in contrà Santa Corona 2 era prevista l'esposizione personale di Jacques Toussaint "L’Esprit des Lieux”, curata da "Axa" (Associazione artisti per l’arte sacra di Vicenza) dal 19 maggio. Nella suggestiva Loggia di Palazzo Chiericati a Vicenza in piazza Matteotti 37 doveva essere allestita "Insania” di Manuela Bedeschi sempre a cura di "Axa" dal 19 maggio.

All'Oratorio del Gonfalone a Vicenza in piazza Duomo ci sarà la mostra "Schegge di Vangelo. Da frammenti di morte a racconto di salvezza" con i reperti della Grande Guerra, raccolti e composti in molti decenni da don Adriano Campiello a cura del Museo Diocesano. Le preziose testimonianze sono state aperte al pubblico dal 29 aprile e rimarranno visitabili fino al 5 giugno.

Tra le curiosità dell’edizione 2016 va segnalata al "Cantiere Barche14" di Vicenza in stradella delle Barche 14 "Il santino - testimone di pace, dona pace a chi lo custodisce”, una mostra-concorso di design, in cui un antico strumento di fede popolare viene riletto nelle forme della contemporaneità più spinta.

Alla Loggia del Capitaniato in piazza dei Signori a Vicenza saranno presentate alcune opere di misericordia, vissute nelle missioni di tutto il mondo, a cura del PIME (dal 26 al 29 maggio).

Sempre alla Loggia del Capitaniato saranno visitabili le opere, realizzate nel progetto dei laboratori di pittura per i centri diurni disabili, a cura della Cooperativa Solidarietà e Servizi di Pavia (dal 26 al 29 maggio).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camilla non ce l'ha fatta, dopo dieci giorni di agonia la 19enne è morta

  • Spiedo, grigliata che bontà: scopri dove mangiare le migliori del vicentino

  • Malore fatale sul posto di lavoro: giovane papà di due bambini perde la vita

  • Tragedia lungo la A1, camionista muore schiacciato dal suo bisonte

  • Le Sardine invadono piazza Matteotti

  • Operaio schiacciato dal muletto: è grave

Torna su
VicenzaToday è in caricamento