Terme di Recoaro: estate alle porte e nessun gestore

L’assenza di offerte alla scadenza del termine del 5 aprile, ha reso impossibile, per la seconda volta in poco tempo, l’individuazione di un operatore economico interessato all’attività di gestione del complesso per la somministrazione dell’acqua sorgiva

Foto TripAdvisor

La rinnovata procedura di evidenza pubblica, disposta dalla Giunta Regionale per la scelta di un gestore per la prossima stagione termale dello stabilimento di Recoaro, è andata deserta. L’Assenza di offerte alla scadenza del termine del 5 aprile, ha reso impossibile, per la seconda volta in poco tempo, l’individuazione di un operatore economico interessato all’attività di gestione del complesso per la somministrazione dell’acqua sorgiva.

“A nulla – spiega il Vicepresidente della Regione del Veneto e assessore al Patrimonio - è valsa la significativa serie di iniziative prese per questa seconda procedura come la riduzione del canone di locazione, l’opportunità di presentare un programma di investimenti straordinari fino a 100.000 euro, interamente finanziati dalla Regione, la possibilità di svolgere attività promozionali verso terzi a titolo oneroso, di sottoscrivere contratti di sponsorizzazione e la massima flessibilità nella tipologia e nella quantificazione dei servizi. Non ha favorito la partecipazione nemmeno la disponibilità dell’Amministrazione comunale a farsi carico pro quota di un importante programma di marketing territoriale, il cui sviluppo attuativo avrebbe potuto essere affidato al gestore”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“A fronte di questa ulteriore gara deserta – conclude il Vicepresidente – e in attesa di poter considerare un concreto e fattibile programma strategico, riferito anche ad un arco temporale di lungo periodo, la Regione si rende disponibile per un ulteriore confronto, in particolare con l’Amministrazione comunale, per valutare insieme ulteriori strade anche per il breve periodo, in vista della stagione estiva ormai alle porte. Intanto, l’Amministrazione regionale continuerà a garantire l’attività di custodia e di conservazione del compendio, che potrà essere messo a disposizione per iniziative di valorizzazione, nell’interesse della comunità locale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Porta pizze esce di strada con l'auto durante il servizio a domicilio: ferita 23enne

  • Coranavirus, colpiti padre e figlia: entrambi perdono la vita

  • Coronavirus, non si fermano i contagi e i decessi in Veneto

  • Coronavirus, 34 morti in 24 ore ma diminuiscono i ricoveri

  • Frontale tra due auto: grave un 65enne

  • Chiuso in ostello perchè italiano: la storia di Alessandro, bloccato in Perù dal Covid-19

Torna su
VicenzaToday è in caricamento