Bilancio per l'industria: la fiducia degli imprenditori è ai minimi 

Il punto della situazione sul Rapporto NordEst in uscita con Il Sole 24 Ore di venerdì 27 dicembre.

I segnali di frenata si moltiplicano per l’economia veneta, da sempre un indicatore molto sensibile della situazione economica perché è la prima a sentire l’arrivo di una crisi (e la prima a ripartire quando ci sono le condizioni). È questa l'apertura delRapporto NordEst in uscita con Il Sole 24 Ore di venerdì 27 dicembre.

Le aziende di Padova e Treviso reagiscono aumentando il dialogo con i sindacati: l’obiettivo è spingere sulla contrattazione di secondo livello, l’unica in grado di riunire esigenze diverse e dare una spinta alle retribuzioni. A Vicenza l’indice di fiducia degli imprenditori è ai minimi, e anche a Verona – dove i principali indicatori tengono, grazie alla propensione internazionale della provincia e a una presenza molto diversificata dei diversi settori – c’è il timore che il traino dell’export possa non bastare.

E poi ci sono le vertenze aperte: da Acc Wanbao di Mel, Belluno, a Safilo, con gli effetti di questioni a livello generale che hanno ricadute anche sul Veneto: è il caso di Auchan-Conad e anche di Ilva, che è il principale fornitore delle aziende metalmeccaniche artigiane. La plastic tax, poi, congela gli investimenti di colossi come Coca Cola (stabilimento a Verona) e San Benedetto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore dopo il lavoro: muore barista 46enne

  • La Putana, storia del dolce tipico vicentino

  • Il grande freddo,13 gennaio 1985 iniziò la nevicata del secolo

  • Schianto tra auto e furgoncino all'ora di pranzo: conducente incastrato tra le lamiere

  • Infarto al miocardio: come riconoscerlo

  • L'influenza è arrivata, tantissimi casi nel vicentino. Come prevenirla

Torna su
VicenzaToday è in caricamento