Calendario 2014 del gruppo Poste italiane in vendita negli uffici postali vicentini, il ricavato devoluto all'Unicef

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VicenzaToday

Il Calendario 2014 del Gruppo Poste Italiane verrà messo in vendita negli uffici postali di Vicenza e provincia: il ricavato sarà devoluto all'Unicef nell'ambito della campagna "Emergenza Filippine" e contribuirà alla fornitura di acqua potabile, vaccini e kit di emergenza alle popolazioni colpite dal tifone Haiyan.

Nel calendario viene raccontata l'evoluzione del costume grazie alle immagini riportate sulle precedenti edizioni storiche dei calendari postali. Inoltre, attraverso gli occhi del Signor Mario, un personaggio un po' visionario, si compie un viaggio all'interno degli uffici postali che costituiscono la capillare rete di Poste Italiane. Essi diventano dei luoghi avventurosi, pieni di personaggi e situazioni che, agli occhi del bizzarro protagonista, assumono connotati epico-mitologici, per poi venire svelati fra le rime di quella che diventa così una piccola, piccolissima Divina Commedia. La storia, dal punto di vista della metrica, si compone attraverso terzine di endecasillabi a rima alternata (ABAB CDCD), ispirati alle terzine dantesche ma ovviamente più semplici (la rima in Dante è "incatenata", perciò la struttura è più complessa e le frasi vanno a capo, qui no). Per dare forma agli scenari fiabeschi di questo viaggio è stato scelto lo stile di Matteo Giuntini, giovane artista livornese (classe 1977) che ha già all'attivo numerose esposizioni in Italia e all' estero.

La distribuzione del Calendario negli uffici postali avrà inizio a partire dal 20 dicembre e si protrarrà fino ad esaurimento delle copie disponibili. Il calendario, per cui è stata realizzata una tiratura di 500mila copie, sarà anche regalato ai clienti che apriranno un Conto Più BancoPosta con l'aggiunta di una polizza PosteVita o una SIM PosteMobile o che comunque attivino alcuni tra i servizi del Gruppo Poste Italiane.

Torna su
VicenzaToday è in caricamento