Crac popolari, pubblicato in Gazzetta il decreto del Fir: al via le domande di rimborso

"E’ un giorno storico per tutti i risparmiatori - dichiarano soddisfatti i referenti dell'associazione "Noi che credevamo nella BpVi" - Non è l’ultimo giorno di battaglia perché, come sapete, altre cose ci aspettano…"

Oggi, giovedì 22 agosto, è una una data simbolo per i tutti i risparmiatori travolti dal Crac delle popolari venete, l’ultimo Decreto Attuativo del FIR (Fondo Indennizzo Risparmiatori) è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale e sarà attivato il sito CONSAP per richiedere i rimborsi al 30%.

"Ringraziamo sentitamente i 2 ex VicePremier, Ministri Salvini e Di Maio che hanno fortemente voluto con noi questo Fondo che rappresenta un punto di svolta dopo più di 4 anni di battaglie", dichiarano soddisfatti i referenti dell'associazione "Noi che credevamo nella BpVi".

Scattano da ora i 180 giorni per poter fare la richiesta di indennizzo al 30% che vale per tutte le persone fisiche e le micro-imprese, compresi coltivatori diretti e compresi un sacco di soggetti che, finalmente, potranno vedere ristorato, in parte, il maltolto. "Per noi questo è un punto di svolta per una battaglia che è durata 4 anni e che non finisce" sottolinea l'associazione.

"A tutti i nostri soci - sottolinea l'associazione - faremo avere un vademecum per capire bene come andare nel sito della CONSAP e capire bene come fare richiesta di accesso. Nel frattempo andate nella banca ove avete il dossier titoli e fare richiesta dei documenti necessari per la richiesta del fondo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attenzione anche a Vicenza: come si riconosce il virus cinese

  • Perde il controllo dell'auto e finisce contro un camion in sosta: 18enne muore sul colpo

  • Stop alle corse sulla strada del Costo: arrivano autovelox e targa system

  • Bollo auto, le novità del 2020: a chi spettano gli sconti

  • Operaio 34enne trovato morto in fabbrica

  • Addio a Mirko: non ce l'ha fatta il calciatore della Telemar

Torna su
VicenzaToday è in caricamento