Ancl veneto lancia a Sandrigo la guida "Come fare apprendistato di primo livello in Veneto"

L’Associazione Consulenti del Lavoro del Territorio Veneto, ha presentato nell’ambito di una tavola rotonda presieduta dall’Assessore della Regione Veneto Elena Donazzan e dal Presidente Nazionale ANCL Dario Montanaro, la guida pratica all’apprendistato di 1^ livello

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VicenzaToday

La Buona scuola e il Jobs act camminano nella stessa direzione: mettere in moto un dialogo costante tra il mondo scolastico e quello aziendale".

Così l’Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro Veneto (ANCL), in occasione del Gran Galà del Bacalà, ha affrontato ieri sera presso la Sala Consigliare del Municipio di Sandrigo, il tema “Apprendistato di I° livello in Veneto”, Potenzialità e sviluppo di uno strumento di vera integrazione scuola-lavoro.

L’Associazione Consulenti del Lavoro del Territorio Veneto, ha presentato nell’ambito di una tavola rotonda presieduta dall’Assessore della Regione Veneto Elena Donazzan e dal Presidente Nazionale ANCL Dario Montanaro, la guida pratica all’apprendistato di 1^ livello, redatta da ADAPT e ANCI Veneto, con il supporto di Eurointerim, allo scopo di rendere comprensibile a tutti, in primis alle imprese, ai dirigenti scolastici, il funzionamento dell’apprendistato c.d. scolastico, quello utile a conseguire lavorando un diploma di istruzione o una qualifica professionale e formazione secondaria superiore.


L’Assessore Regionale Elena Donazzan

"Riqualificare e rilanciare l'apprendistato di primo livello, al fine di contrastare l'abbandono scolastico e diversificare l'offerta formativa e favorire la transizione tra studio e lavoro è uno degli obiettivi che vogliamo perseguire per ridurre la disoccupazione giovanile stimolando, al contempo, lo sviluppo di nuove professionalità e l'incremento dell'occupabilità". Le riforme del mercato del lavoro e della scuola hanno introdotto in Italia il “Sistema Duale”: un modello formativo integrato tra scuola e lavoro, che costituisce un rilevante momento di confronto sull'azione di governo nel promuovere l'alternanza scuola lavoro e sviluppare l'apprendistato formativo. È una sfida importante: la sperimentazione rappresenta la via per realizzare in modo uniforme e organico su tutto il territorio nazionale e Veneto un sistema formativo più incisivo e concreto. Sono convinto che la ripresa e il rilancio della nostra economia debba passare anche attraverso il pieno coinvolgimento dei giovani nei processi produttivi e nella vita sociale e lavorativa. ​Il Veneto conclude la Donazzan, è da sempre una Regione all’avanguardia nella regolazione di questo strumento. Non ci sono quindi ragioni che giustifichino il disinteresse di imprese, e parti sociali verso questa tipologia di apprendistato, la più tedesca di quelle presente nel nostro ordinamento. 

Torna su
VicenzaToday è in caricamento