Arriva la grappa alla canapa

L'idea è venuta a un ristoratore di Cassola: si chiama Weedstok

Nei territori che hanno visto l’origine della distillazione moderna della grappa, nasce il primo connubio in Italia tra una storica coltivazione delle valli venete e il tipico distillato IGP. Si chiama Weedstok: una bevanda spiritosa a base di grappa e semi di canapa. Nata da un’idea del ristoratore Dino Forlin, originario di Cassola dove gestisce lo storico locale di famiglia, distillata e imbottigliata a Crespano del Grappa. Risulta essere un prodotto a pieno titolo locale, ma che promette di creare un mercato a livello nazionale.

La particolare dolcezza sprigionata dai semi di canapa e il tipico sapore della grappa formano un connubio equilibrato e piacevole al palato. Come noto, la grappa si ottiene dalla parte più aromatica dell’acino d’uva, ma questa materia prima è tanto difficile da conservare quanto complicata da distillare. L’impegnativa lavorazione cui viene sottoposta ne determina il carattere, la storia tecnologica e la preziosità. Per questo in un bicchiere di grappa è racchiusa un’arte antica in continua evoluzione, all’interno della quale Dino Forlin si è inserito con un distillato innovativo e al tempo stesso attento alla storia.

Weedstok si può degustare presso Pizzeria Forlin – Unconventional Pizza -, situata in viale San Giuseppe 83 a Cassola, unLocale Storico Veneto costruito con pietre provenienti dal Brenta dove la famiglia Forlin fa ristorazione da quasi 70 anni, dal 1950. Un locale passato per 3 generazioni e ora gestito dal nipote dei fondatori: Dino Forlin, 29 anni, nato e cresciuto a Cassola, con la voglia di innovare, partendo dalle tradizioni, sperimentando nuove vie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E la voglia di sperimentazione è chiara anche quando gli viene chiesto cosa lo abbia spinto a creare Weedstok: “Siamo nel bacino dove è nata la grappa. Partendo da questo prodotto IGP, ho voluto creare qualcosa che ricordasse la nostra storia, ma che la innovasse. Per farlo ho deciso di utilizzare una materia prima che all’inizio del secolo scorso è stata largamente coltivata nelle nostre valli: la canapa. I cui semi sono particolarmente dolci e hanno proprietà benefiche riconosciute. Dalla loro unione è nato un liquore unico nel suo genere, un liquore non convenzionale.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal 2 giugno cade l'obbligo di mascherina all'aperto

  • Perde il controllo della moto e si schianta contro un muro: muore 22enne

  • Vicenza riparte, la prima giornata di fase 2 dopo il lockdown: il LIVE

  • Travolta da un'auto: muore donna di 55 anni

  • Operazione "gomme da arresto": 5 indagati per frode, sequestrati beni per 11 milioni

  • Stop agli assembramenti-spritz, Rucco firma l'ordinanza: aperitivo solo al bar

Torna su
VicenzaToday è in caricamento