Carico di cocaina da 80 milioni di euro in una ditta conciaria

I circa 7 quintali di droga purissima sarebbero stati recapitati per errore a Zermeghedo. Massimo riserbo da parte dei carabinieri, che stanno effettuando le indagini: dietro, probabilmente, la ndrangheta

Immagine di archivio

Tra le pelli, 690 panetti da un chilo di cocaina  purissima, per un valore sul mercato stimato in 80 milioni di euro. Il carico è arrivato per errore in una ditta conciaria di Zermeghedo: il titolare ha immediatamente avvisato i carabinieri, che si stanno occupando della delicata indagine. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla vicenda vige il massimo riserbo e, al momento, si possono solo fare supposizioni. Sicuramente qualcuno ha commesso il fatale errore di sbagliare l'assegnazione del container, arrivato in Portogallo dal Brasile, mandando così in fumo il lucrosissimo traffico. E' probabile che la destinazione fosse comunque il Vicentino. L'organizzazione criminale che ha intessuto un'importante rete per importare la droga colombiana è la ndragheta calabrese, che ha base anche in Veneto e nella nostra provincia da tempo, ma non è l'unica mafia ad occuparsi del business illecito. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo passati a rischio elevato, lunedì inaspriremo le regole»

  • Condizionatori e Coronavirus: consigli su come igienizzarli

  • Coronavirus, nuovo focolaio nel Vicentino: 4 i casi accertati, massiccio piano di isolamento

  • Nuovi focolai in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Le vacanze si trasformano in tragedia, mamma 44enne muore mentre fa snorkeling

  • Parkour in stazione: 20enne trovato morto sul tetto di un treno

Torna su
VicenzaToday è in caricamento