Vicenza, un reato su tre è commesso da immigrati

Un reato su tre di quelli commessi a Vicenza è ad opera di immigrati. Gli italiani finiscono nei guai per i reati finanziari e le violenze domestiche. In un anno in città 7 mila persone sono finite davanti al giudice

Una persona su tre, tra quelle che nel 2014 sono transitate in tribunale per essere giudicate, è straniera. Esattamente il 30% degli imputati ha origini lontane, una percentuale che cresce di anno in anno e che arriva a toccare quota 50% nel caso degli iscritti nel registro degli indagati.

Lo scorso anno, in totale il tribunale ha giudicato circa 7 mila persone, 2500 delle quali provengono da tutte le parti del mondo.  I reati più contestati agli stranieri sono furto, rapina, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti; ma anche di danneggiamenti. Romeni, serbi, albanesi, marocchini tunisini e nigerini, le origini degli imputati, inevitabilmente risentono dei recenti flussi immigratori, anche se una fetta consistente degli imputati stranieri è riservata agli americani alloggiati nelle basi militari di Vicenza.

Come riportato da il giornale di Vicenza, gli italiani primeggiano ancora in tutti i reati finanziari e quelli avvenuti tra le mura domestiche, non ultimo il mancato mantenimento della moglie dopo il divorzio. Il 10% dei processi celebrati nel 2014 riguardava gli assegni di mantenimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attenzione anche a Vicenza: come si riconosce il virus cinese

  • Il cane defeca per strada, anziano raccoglie la cacca e la spalma in faccia a un ragazzino

  • Operaio 34enne trovato morto in fabbrica

  • Schianto semi frontale tra auto: sei feriti, paura per due bimbi piccoli a bordo

  • Addio a Mirko: non ce l'ha fatta il calciatore della Telemar

  • Tir rimane incastrato in una stradina di paese: autista straniero tradito dal gps

Torna su
VicenzaToday è in caricamento