Vicenza, "Ti taglio la testa!" Minaccia l'agente poi si ferisce

Sono scene di ordinaria follia quelle avvenute all'interno della questura di Vicenza lunedì. Dopo essere uscito dal carcere un tunisino è stato trovato ubriaco e con addosso della droga. Davanti agli agenti ha iniziato a tagliarsi con una lama per poi passare alle minacce

Era uscito da pochi giorni dal carcere il tunisino che ha scatenato un putiferio all'interno degli uffici della questura lunedì pomeriggio.  R.L, 30enne, con diversi precedenti, ha minacciato un ispettore delle volanti  per poi si è autoinflitto delle ferite con coltello multiuso. 

 Probabilmente voleva festaggiare il ritorno in libertà, per questo al momento del fermo avvenuto in viale Roma, era ubriaco fradicio. Gli agenti lo hanno trovato in possesso di 1,4 grammi di hashish e 0,40 grammi di cocaina. Abbastanza stupefacenti per far partire la denuncia e portarlo all'interno degli uffici di viale Mazzini. Durante le pratiche del caso, l'uomo è andato in escandescenza e ha estratto un coltello multiuso con una lama di 15cm. con cui ha iniziato a tagliarsi. Per questo è stato necessario l'intervento dei sanitari del Suem. Prima di essere portato in ospedale, però, il 30enne ha anche minacciato l'ispettore: “Tu mi vuoi morto perché io sono musulmano! Sei razzista! devi stare attento alla tua famiglia! ti taglio la testa!”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camilla non ce l'ha fatta, dopo dieci giorni di agonia la 19enne è morta

  • Spiedo, grigliata che bontà: scopri dove mangiare le migliori del vicentino

  • Malore fatale sul posto di lavoro: giovane papà di due bambini perde la vita

  • Tragedia lungo la A1, camionista muore schiacciato dal suo bisonte

  • Le Sardine invadono piazza Matteotti

  • Operaio schiacciato dal muletto: è grave

Torna su
VicenzaToday è in caricamento