Vicenza, "Svegliati Italia": centinaia di persone in piazza per le unioni civili

Circa trecento persone, armate di sveglia, palloncini e cartelli, si sono date appuntamento sabato pomeriggio in piazza Dei Signori per la manifestazione "svegliati Italia" in favore delle Unioni civili

Sabato pomeriggio, la sveglia è suonata anche in piazza dei Signori:  Vicenza è stata tra le  96 città italiane coinvolte dalla grande manifestazione organizzata dai moviment Lgbt "Svegliati italia", in vista dello storico passaggio della proposta di legge sulle unioni civili in Parlamento. 

A scendere in piazza con palloncini, cartelli, esperienze e le immancabili sveglie, fatte suonare tutte assieme dopo un countdown di sessanta secondi, circa trecento persone. Tra loro giovani e adulti, gay ed etero, tutti uniti sotto la bandiera dei diritti. Era presente anche la politica con Sel, il Movimento Cinque Stelle e il Pd, presentatosi con tutto lo stato maggiore e una grande assenza: quella del sindaco Achille Variati.

Dopo il flashmob, con le suonerie della sveglie che hanno rimbombato ai piedi della Basilica, sopra i tre scalini che portano all'ingresso della Loggia del Capitaniato, si sono presentati in tanti: due mamme accompagnate dal figlio che crescono insieme, alcune donne pronte a chiedere di vedere riconosciuta la loro unione, studenti e studentesse. Tutti pronti a ribadire un unico concetto: "La famiglia è quella composta da persone che si amano". 

Per quanto riguarda le unioni civili, l'Italia è il fanalino di coda dell'Europa, unico stato dell'Unione a non averle ancora regolamentate con una legge. Il passaggio in Parlamento della proposta Cirinnà, però, non si preannuncia facile. "Il governo ha lasciato a camera e senato massima libertà -racconta la senatrice dem Rosanna Fillippin- Mi aspetto che anche molti colleghi dell'opposizione votino secondo coscienza, ma i trabocchetti non mancano. Oltre all'ostruzionismo della Lega, sicuramente si andrà al voto segreto per il punto 5 della proposta di legge, la Stepchild adoption.se non passasse o venisse rivisto sarebbe una sconfitta, prima di tutto per i bambini che hanno genitori gay". 

Con la senatrice, in Commissione giustizia, ha lavorato anche l'onorevole pentastellato Enrico Cappelletti: "Su proposte serie come questa, noi cinque stelle non abbiamo problemi a votare si, non è una questione ideologica, ma di fare la cosa giusta". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal 1 giugno l'obbligo di mascherina all'aperto non c'è più

  • Riapertura di asilo, materne, centri estivi e le novità per la scuola a settembre

  • Eclissi: in arrivo lo spettacolo della 'Luna delle Fragole'

  • Runner sale sulla cresta, scivola e fa un volo di un centinaio di metri: muore 37enne

  • Coronavirus, stop mascherine all'aperto: nuova ordinanza di Zaia

  • Bonus casa 110%: tutte le informazioni per ristrutturare a costo zero

Torna su
VicenzaToday è in caricamento