Vicenza, rapine e violenze agli anziani: presi i "Bonnie e Clyde" dei rolex

Agiva dal 2015 la coppia di rumeni che sono stati individuati dalla polizia nei giorni scorsi. Il metodo era sempre lo stesso: avvicinavano le persone di una certa età e li depredavano senza nesuno scrupolo

Un metodo collaudato e sempre con la stessa modalità e sempre in coppia. La donna avvicinava persone anziane con una scusa e poi, al momento giusto stappava dal polso  dei malcapitati il rolex. Il compagno, invece, aspettava in auto e interveniva solo se la vittima reagiva. Autori di numerose rapine - due delle qualei in centro a Vicenza - Cristian Schian e Emanuela Schian, rumeni entrambi 25enni individuati dalla squadra mobile di Vicenza dopo una lunga indagine effettuta grazie alla collaborazione di altre questure italiane e con la visione delle immagini delle telecamere di sorveglianza.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

I COLPI: SEMPRE LO STESSO SCHEMA CRIMINALE

I due hanno colpito in centro a Vicenza per la prima volta il 17 marzo dello scorso anno. Alla vittima, un uomo di 70 anni, la donna ha chiesto l'ora. Non appena l'anziano ha guardato l'orologio  la predratrice gli ha preso le mani stappandoli con violenza il Rolex da 15mila euro che aveva al polso. Successivamente il signore ha cercato di fermarla e in quel momento è intervenuto Cristian che, sceso dalla macchina. l'ha aggredito buttandolo a terra e facendolo finire in ospedale. I due sono poi fuggiti con una BMW grigia. L'episodio è successo in Contrà Pedemuro San Biagio.

L'altro caso analogo è succeso il primo aprile dello scorso anno in contrà San Paolo. Una donna di 75 anni è stata raggiunta alla spalle da Emanuela che l'ha distratta per poi sottrarle il prezioso Rolex e fuggire in auto con il compagno. 

L'ARRESTO

Le successive analisi delle immagini delle telecamere hanno permesso agli investigatori di individuare l'auto, intestata a un prestanome al quale erano intestate diverse vetture e da lì individuare i responsabili grazie anche alla tracciatura del traffico telefonico compatibile con gli spostamenti. Per i due predatori è scattata la denuncia per rapina pluriaggravata in un caso e furto con strappo in un altro con l'ordine di arresto e carcerazione, anche se la giovane ladra - al tempo delle rapine - era incinta. 

La coppia (entrambi pregiudicati) gravitavano nel veronese e dopo la loro identificazione sono iniziate le ricerche. Cristian è stato arrestato durante un controllo dei carabinieri in una gastronomia in via Prina a Verona dove stava consumando un pranzo con un gruppo di Rom. Emanula, invece, è irreperibile. I due sono sospettati di aver agito anche in altri luoghi Su loro sono infatti in corso ultieriori indagini. La donna, ormai diventata anche madre, potrebbe essere tornata in Romania

Allegati

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cimici in casa? Ecco come allontanarle subito

  • Tamponamento tra mezzi pesanti in A4: muore camionista vicentino

  • Scomparso sul Pasubio: trovato il corpo in un dirupo

  • Si allontana dalla comitiva durante l'uscita sulla Strada delle 52 gallerie: scatta l'allarme

  • Atletica in lutto: Alen non ce l'ha fatta, giovane promessa muore a 18 anni

  • Violento schianto auto-moto in provincia: centauro in gravi condizioni

Torna su
VicenzaToday è in caricamento