Vicenza, perseguita l'amante ma sbaglia persona, pagherà 10 mila euro

La macchina dell'amante della sua fidanzata continuava ad essere parcheggiata sotto casa anche dopo la pacificazione tra i due. Lui ha iniziato a minacciarlo, ma si trattava di un errore. Il vicentino ha chiesto scusa e pagherà un risarcimento di 10 mila euro

una Chevrolet rossa come quella dell'amante

Pensava di perseguitare l'ex amante della fidanzata, lasciandoli biglietti minacciosi sul cruscotto dell'auto, ma la macchina aveva cambiato padrone. Capito l'errore un vicentino ha dovuto scusarsi con la vittima staccando un assegno da 10 mila euro per evitare il tribunale.

Come riportato nelle pagine de Il Giornale di Vicenza, Paolo B. era fidanzato da anni con una sua coetanea che risiede in Riviera Berica. Nel 2013 la prima crisi della coppia, con una Chevrolet Matiz rossa sempre più spesso parcheggiata sotto casa della ragazza.  Proprio quel particolare aveva fatto scoprire a Paolo la storia parallela della compagna, portando alla rottura del rapporto. Nel 2014, però, la ragazza era tornata chiedendo scusa e supplicando un ricongiungimento e lui aveva accettato.  

Poco dopo il nuovo inizio, l'auto rossa era riapparsa nel parcheggio sotto casa della ragazza. Lui era andato su tutte le furie decidendo di prendersela con l'amante.  Accecato dalla gelosia, era passato dalle parole ai fatti, lasciando biglietti di minacce sul vetro dell'auto, tagliandone le gomme, rigando la portiera. Tutte "fatiche" inutili, la Matiz rimaneva sempre parcheggiata allo stesso posto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Qualche mese dopo la scoperta dell'errore: l'auto era stata venduta dall'ex amante ad un pensionato 71enne che spesso andava a trovare dei parenti residenti affianco della ragazza. L'uomo, ignaro della vicenda, aveva sporto querela, rivolgendosi alla polizia che grazie ad un filmato era risalita a Paolo. In questi giorni le scuse e l'accordo economico tra le due parti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal 2 giugno cade l'obbligo di mascherina all'aperto

  • Riapertura di asilo, materne, centri estivi e le novità per la scuola a settembre

  • Operazione "gomme da arresto": 5 indagati per frode, sequestrati beni per 11 milioni

  • Centauro esce di strada mentre sta percorrendo il Costo: ferito 55enne

  • Travolta da un'auto: muore donna di 55 anni

  • Stop agli assembramenti-spritz, Rucco firma l'ordinanza: aperitivo solo al bar

Torna su
VicenzaToday è in caricamento