Vicenza, niente profughi al Dal Molin: mancano i soldi

Stop forzato per la creazione del mini-hub vicentino, il progetto di sistemazione dello stabile all'interno dell'ex aeroporto Dal Molin non decolla. Servono 10 mila euro per i lavori ma la prefettura non può pagare

Per la prefettura 10 mila euro sono troppi: la cifra servirebbe per creare il mini-hub per l'accoglienza dei profughi all'ex aeroporto Dal Molin. Tempi e questioni finanziarie bloccano, però, il progetto.

Come riportato sulle pagine de Il Giornale di Vicenza,  il Comune aveva individuato nelle strutture del Dal Molin lo spazio ideale per la creazione di un centro di accoglienza temporaneo che potesse servire a smistare i richiedenti asilo al momento del loro arrivo in città. I profughi avrebbero dovuto rimanere nel centro per 72 ore prima di venire presi in carico dalle cooperative. Per allestire i 25 posti letto, però, servono soldi, ma le casse sono vuote. Nè la prefettura nè la cooperativa "Altre Strade" che dovrebbe gestire il mini-hub possono permettersi di spendere 10 mila euro, anche perchè il Comune avrebbe concesso il locale fino al 31 dicembre. Un tempo troppo breve per la cooperativa per ammortizzare i costi. 

L'assessore Isabella Sala ha, però, chiarito che i costi per la sistemazione del centro non possono ricadere su palazzo Trissino e che il Comune non ha intenzione di individuare una nuova zona per il centro. La situazione resta, dunque, in stallo. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittorio Brumotti aggredito in Campo Marzo: preso a sassate durante le riprese

  • Ora solare 2019: conto alla rovescia per il cambio dell'ora (e presto ci saranno novità)

  • Precipita dalla ferrata: gravissimo 28enne

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie»

  • Divorziano dopo sessant'anni di matrimonio perchè lui vuole farsi prete

  • Ritrovata la bambina di 11 anni scomparsa sulle colline

Torna su
VicenzaToday è in caricamento