"Vi farei saltare per aria", minacce ai poliziotti dopo la rissa: denunciati tre giovani 

Notte brava di un gruppo di ragazzi, alcuni dei quali pregiudicati che dopo la lite fuori dalla discoteca sono stati fermati dagli agenti in stato di ebbrezza alcolica. Per loro sono scattate una raffica di denunce

Una notte fuori controllo ad alto tasso alcolico. Protagonisti quattro giovani tra i 19 e i 24 anni, tre dei quali denunciati per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. L'azione delle forze dell'ordine è scattata verso le 3:45 del mattino di domenica dopo la segnalazione di un addetto alla vigilanza della discoteca Amis - ex Gilda - di via del Commercio in zona industriale a Vicenza.

Il buttafuori ha riferito agli agenti, arrivati sul posto, che una banda di giovani aveva innescato una rissa all'interno del locale per poi scappare a bordo di una Citroen C2 della quale ha fornito il numero di targa, aggiungendo il particolare che il conducente aveva un braccio fasciato. La pattuglia delle volanti ha rintracciato l'auto in via della Scienza con a bordo quattro giovani di età compresa tra i 19 e 24 anni: due ragazzi marocchini e  un'altro di origine straniera, tutti residenti a Thiene (tutti con regolare permesso di soggiorno) e una ragazza italiana di San Vito di Leguzzano.

Il gruppo si dimostra fin da subito insofferente al controllo. I due  magrebini e la ragazza iniziano a insultare pesantemente gli agenti e tutti, palesemente ubriachi, si rifiutano di mostrare il documento di identità. Il conducente (R.M. residente a Thiene) sottoposto all'alcol test, risulta avere un tasso alcolico di 1,54 e per lui scatta l'immediato ritiro della patente e il sequestro della macchina, nonché la denuncia penale per guida in stato di ebrezza. A quel punto la reazione del giovane è plateale: si dimena e si getta sopra il cofano dell'auto della polizia, ammaccandolo e rimediando anche una denuncia per danneggiamento aggravato.

Il suo amico marocchino, non è da meno e inizia una raffica di insulti diretti ai poliziotti: "Ucciderei tutti i vostri figli e vi farei saltare per aria. Odio l'Italia, italiani di m.....Ho chiesto la cittadinanza solo per convenienza". Per lui, A.O del 95, come per la ragazza 19enne,  scatta la denuncia per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. I tre, già pregiudicati, dovranno rispondere di questa serie di reati. L'unico a "salvarsi" l'altro ragazzo del '94, incensurato, che non ha avuto la stessa reazione dei compagni e che, come loro, è stato solo multato per ubriachezza molesta. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    «Entrato in ospedale in piedi, uscito semi-paralizzato»

  • Cronaca

    Omicidio Pretto: «Una palude preoccupante»

  • Cronaca

    Pedemontana: blitz della Forestale in Vallugana

  • Cronaca

    Nuova tragedia sul "ponte dei suicidi"

I più letti della settimana

  • Auto piomba nella pasticceria, tragedia sfiorata

  • Malore fatale alla guida: muore un 50enne

  • Adottato da una coppia vicentina il neonato abbandonato a Rosolina

  • Ultraleggero precipita e si schianta contro una casa, due morti

  • Maltempo: cantine e strade allagate nel Vicentino

  • Dramma della disperazione: perde il lavoro e si getta nelle vasche dei fanghi

Torna su
VicenzaToday è in caricamento