Vicenza, ingoia un panetto di cocaina davanti ai finanzieri e muore

La vittima, Mohamed El Arabi Ajmi, tunisino 32 anni, pluripregiudicato per fatti di droga, era stato fermato dai militari davanti al Prix di viale San Lazzaro, mentre era nella sua auto. Forse in un raptus, ha ingoiato l'ingente quantità di droga che aveva in mano: l'overdose è stata fulminante

Il Prix di viale San Lazzaro a Vicenza

Alla vista dei militari della guardia di finanza, che bussavano al finestrino della sua Mercedes, ha ingoiato tutta la cocaina che aveva in mano, un intero panetto, ed è stato stroncato da un'overdose in pochi minuti, nonostante l'intervento del Suem 118. Così è morto Mohamed El Arabi Ajmi detto Arbi, 32 anni, tunisino, volto noto alle forze dell'ordine e alla giustizia per la sua vasta e prolungata attività di spaccio.

Secondo quanto riferisce Il Giornale di Vicenza, mercoledì, circa alle 17.30, i militari, nel corso di un normale pattugliamento, avevano individuato l'auto dell'uomo parcheggiata davanti al Prix di viale San Lazzaro e hanno deciso di effettuare un controllo. Alla vista delle fiamme gialle, la reazione della vittima è stata inaspettata quanto folle: apre la portiera e cerca di darsi alla fuga, prendendo a morsi l'ingente quantità di droga che teneva in pugno. A dar man forte ai militari interviene anche una guardia giurata ma, nel frattempo, il 32enne si sente male. Immediato l'intervento del Suem, che cerca di rianimarlo, ma per l'uomo non c'è stato nulla da fare. 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • VIDEO|Inferno di fuoco all'alba: colonna di fumo visibile per chilometri

  • La classifica delle migliori scuole d'Italia: scopri le vicentine

  • Sai quanti punti hai? Patente a punti, controlla e verifica il saldo

  • Minore va in crisi al reparto psichiatrico: i sanitari non riescono a calmarlo e chiamano i carabinieri 

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Anziana travolta e uccisa, il "pirata" si è costituito

Torna su
VicenzaToday è in caricamento