Vicenza, guidava ubriaco, uccise un uomo ma niente manette

Andava veloce ed era ubriaco, causò l'incidente in cui perse la vita Angelo Mapelli, ma tutto questo non basta al giudice che lo lascia in libertà. La procura ha presentato ricorso al Riesame. Scontro in aula

Lo schianto in cui perse la vita Angelo Mapelli (foto VVFF)

Lo scorso 22 febbraio a Montebello lungo la statale che porta a Vicenza, A.B., 38 anni, veronese, causò l'incidente in cui persa la vita il manager Angelo Mapelli, 50 anni, che stava recandosi ad un appuntamento di lavoro con la Citroen C3 aziendale. L'auto del 38enne, poi risultato in stato di ebrezza, viaggiava ad alta velocità, invase la corsia opposta e si schiantò frontalmente con quella della vittima. Ad un mese di distanza, il tribunale ha deciso che il veronese potrà restare in libertà in attesa della fine del processo. 

Come riportato da Il Giornale di Vicenza, il p.m. Barbara De Munari aveva proposto la carcerazione di A.B, richiesta respinta dal giudice Massimo Gerace. L'uomo, che quella sera aveva un tasso alcolico compreso tra 2,6 e 2,9 g/l, non ha precedenti penali e non è pericoloso; senza patente (gli è stata ritirata) non può commettere altri incidenti, dunque, potrà restare in libertà. Con queste premesse, inoltre, è possibile pensare che, quando e se sarà condannato, la pena sarà compresa entro i limiti della sospensione (3 anni) e quindi l'arresto preventivo non è firmabile.

Una decisione che ha fatto scattare immediatamente il ricorso al Riesame. La decisione del tribunale di Venezia è attesa tra qualche settimana.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rubano un'auto e si schiantano, un 14enne alla guida: denunciati due minorenni

  • Violento scontro auto-camion sulla Sp 26: muore una 52enne vicentina

  • Investita sulle strisce: 21enne in Rianimazione

  • Cade dalla finestra: gravissima una donna

  • Operaio trova l'amante nudo a letto, la moglie lo morde: denunciata per violenza domestica

  • Vicenza ha i migliori bar: 3 premiati dal Gambero Rosso

Torna su
VicenzaToday è in caricamento