Vicenza, droga, alcol e play station: i festini dei ragazzini "bene"

I carabinieri, sabato pomeriggio, hanno fatto irruzione in un appartamento in contrà Vescovado e hanno sorpreso un gruppo di giovanissimi in un "droga club" organizzato da due fratelli bosniaci di 22 e 20 anni

Un vero e proprio "droga club" nel pieno centro di Vicenza, frequentato dai giovanissimi delle famiglie "bene". E' quanto ha smantellato l'Arma berica, nel corso di un blitz in un appartamento di contrà Vescovado, sabato pomeriggio. A finire nei guai sono stati due fratelli di origine bosniaca, di 22 e 20 anni, residenti nei locali, accusati di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

I carabinieri hanno trovato un gruppo di giovani, tra cui due ragazzi di 16 anni e una 17enne, intenti a giocare alla play station, a bere alcolici e con a disposizione un etto di di marijuana, 150 grammi di hashish e sei pastiglie di ecstasy . Le indagini dei carabinieri proseguono per rintrancciare i rifornitori di droga. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attenzione anche a Vicenza: come si riconosce il virus cinese

  • Il cane defeca per strada, anziano raccoglie la cacca e la spalma in faccia a un ragazzino

  • Coronavirus: sei tamponi nel Vicentino, San Bortolo sommerso dalle telefonate

  • Coronavirus, caso sospetto nel Vicentino: potrebbe essere il "paziente zero"

  • Coronavirus, massima allerta in Veneto: «Pronti a misure drastiche»

  • Coronavirus, monta la paura: Regione attiva cordone sanitario, altri 7 tamponi positivi

Torna su
VicenzaToday è in caricamento