Vicenza, Cul de Ola: 200 mila euro per evitare gli allagamenti

Pronto il progetto di sistemazione idraulica anche grazie a 50 mila euro finanziati dal progetto europeo Life Veneto Adapt

Via Cul de Ola allagata

Lunedì mattina l’assessore alla cura urbana Cristina Balbi e l'assessore alla progettazione e sostenibilità urbana Antonio Marco Dalla Pozza hanno presentato il progetto definitivo per la sistemazione idraulica di strada Cul de Ola, nel quartiere di Anconetta, per un importo complessivo di 200 mila euro, 150 mila euro dei quali a mutuo mentre 50 mila euro finanziati dal progetto europeo Life Veneto Adapt.

Il Comune di Vicenza ha aderito, infatti, al bando europeo Life+ con il progetto denominato “Veneto Adapt - Central Veneto Cities netWorking for Adaptation to Climate Change in a multi-level regional perspective” con l'intenzione di adottare l'approccio “Veneto Adapt” nella riqualificazione dell’area agricola di strada Cul de Ola.

“Si tratta di un progetto che risolve in maniera strutturale e definitiva i problemi di questa zona dopo le criticità emerse in occasione di precipitazioni abbondanti nel 2016 – ha dichiarato l'assessore alla cura urbana Cristina Balbi –. A quel tempo si erano verificati allagamenti nel punto più basso di strada Cul de Ola. La sistemazione parte da uno studio idraulico ad opera di Acque Vicentine ed è frutto del progetto che, redatto dall'ingegner Marco Meneghetti, prevede di allargare la condotta di smaltimento delle acque meteoriche, ora sottodimensionata, e di regolarizzare il piano di pendenza per un tratto lungo 160 metri".

IL PROGETTO

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro auto-camion sulla Sp 26: muore una 52enne vicentina

  • Investita sulle strisce: 21enne in Rianimazione

  • Cade dalla finestra: gravissima una donna

  • Vicenza ha i migliori bar: 3 premiati dal Gambero Rosso

  • Scopri come igienizzare la lavatrice per avere un bucato senza batteri

  • Saccheggia alcolici al Tosano e aggredisce le guardie: arrestato 45enne

Torna su
VicenzaToday è in caricamento