Vicenza, allarme pm10: picco di ricoveri "da smog"

Anziani, bambini e malati cronici sono i soggetti più a esposti. In aumento bronchiti e infiammazioni delle vie respiratorie come dimostrano gli ingressi al pronto soccorso

Nella città berica picco di ricoveri di persone ammalate di smog. Come riporta Il Giornale di Vicenza, sarebbe stata sforata per il nono giorno consecutivo la barriera dei limiti consentiti del pm10. Le polveri sottili si anniderebbero quindi negli alveoli polmonari moltiplicando gli ingressi al pronto soccorso. In aumento bronchiti e infiammazioni delle vie respiratorie e a soffrirne sarebbero soprattutto gli anziani.

Ma a preoccupare sarebbero anche gli scompensi cardiaci. Diversi studi scientifici dimostrerebbero come l'inquinamento accentui la probabilità di avere malattie cardio-vascolari e ischemiche. In queste condizioni atmosferiche, portare in passeggiata un bambino vorrebbe dire metterlo seriamente a rischio. Il 20 per cento dei bambini di Vicenza infatti avvertirebbe problemi respiratori o allergici provocati dallo smog.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Tragedia sulla strada, ciclista travolto da un'auto: muore un vicentino

  • Cronaca

    Schio, confessa relazione con studentessa 15enne: prof ai domiciliari

  • Cronaca

    Sossano, rapina a mano armata: banda di motociclisti assalta benzinaio

  • Cronaca

    Cadavere sul lago, è il centralinista della basilica del Santo: giallo sulla morte

I più letti della settimana

  • Vicenza-Pordenone: 1-1, Ferrari, Burrai; Bianchi espulso, De Giorgio sbaglia il rigore

  • Il punto di Alberto Belloni: "Ognuno è artefice del proprio destino"

  • Trovato cadavere al lago di Fimon: indagini in corso

  • Vicenza, gruppo di stranieri circonda i militari: un soldato finisce in ospedale

  • Asta Vicenza Calcio, silenzio assordante: "Sss...Samorì"

  • Longare, muore dopo intervento al ginocchio: aperta un'inchiesta

Torna su
VicenzaToday è in caricamento