Valdagno, salvo il Punto Nascite Guarda:"Battaglia vinta"

Nessun trasferimento anzi la permanenza del reparto è confermata fino al 2018. "È stato un percorso fatto di tante e faticose tappe - spiega la consigliera regionale - ma alla fine siamo riusciti a salvare la struttura"

L'ospedale di Valdagno

Punto Nascite dell'ospedale San Lorenzo di Valdagno confermato fino al 2018 e rinforzato, con l’apertura da lunedì prossimo del nuovo servizio di partoanalgesia. “Un’ottima notizia, un obiettivo raggiunto grazie alla stretta collaborazione tra cittadini, amministrazioni e forze politiche”, afferma la consigliera regionale della lista Alessandra Moretti presidente Cristina Guarda, in prima linea su questa battaglia che in estate sembrava definitivamente persa.

"È stato un percorso fatto di tante e faticose tappe, ma alla fine siamo riusciti a salvare il Punto nascite. La raccolta firme, le manifestazioni organizzate dai cittadini, le discussioni in aula e in commissione durante la riforma della sanità, le iniziative di tutte le amministrazioni dell’Alta Valle dell’Agno per sensibilizzare la politica regionale e i dirigenti dell’Ulss: niente è stato inutile".

Tuttavia, sottolinea ancora la consigliera Guarda, questo è solo un punto di partenza: “Al San Lorenzo, come in molte unità ospedaliere vicentine e venete, la programmazione socio sanitaria con scadenza 2016 ancora non è giunta a realizzazione. Una denuncia che ho ripetuto più volte durante la discussione del Pdl 23, senza trovare ascolto dalla maggioranza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Si tratta di promesse mai mantenute che fanno poco onore alla sanita veneta tanto osannata, sicuramente qualitativa, ma poco concreta nel raggiungimento degli obiettivi. - conclude Guarda - E la futura programmazione socio sanitaria dovrà garantire anche una giusta valorizzazione delle unità ospedaliere, specialmente quelle del Vicentino. Penso soprattutto al San Lorenzo, punto di riferimento per un’importante fetta di popolazione che non riuscirebbe ad essere servita dagli altri ospedali della neonata e composita Ulss Berica”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro, fatale caduta mentre sta operando su un macchinario: muore 59enne

  • Addio Flavia, se n'è andata la regina dei "spuncioti" del bar più amato di Vicenza

  • Perde il controllo della moto e si schianta: muore 42enne

  • Malore improvviso: muore automobilista

  • Ha un infarto all'inizio del cammino: morto escursionista

  • Covid-19 al centro estivo, alunna positiva al tampone: scatta il protocollo

Torna su
VicenzaToday è in caricamento