Val Liona, tentano il colpo alle Poste ma forano la sede degli Alpini

Hanno praticato un buco nel muro per poter entrare all'ufficio postale vicino ma hanno sbagliato parete. E sono fuggiti appena si sono accorti che i locali erano delle penne nere

Un buco nel muro per entrare nell'ufficio postale, ma la parete non era quella giusta. I ladri maldestri, nei giorni scorsi, hanno tentato il colpo alle Poste di di San Germano dei Berici - ora frazione del Comune Val Liona - e quando si sono accorti che il locale era invece la sede degli Alpini, se la sono data a gambe levate.

Dopo essere entrati nel complesso scardinando una inferriata e una finestra i malviventi si sono dati da fare per attuare il loro piano: bucare la parete per entrare nell'ufficio postale . Una volta che si sono accorti dell'errore hanno comunque deciso di non saccheggiare la dispensa delle penne nere e sono fuggiti con le pive nel sacco. 

Non è la prima volta che qualcuno tenta la stessa operazione. Qualche anno fa altri ladri hanno operato nello stesso sistema cercando di svaligiare l'ufficio postale. Quella volta sono stati presi in flagrante ma almeno avevano bucato la parete giusta. Chissà che con l'imminente arrivo delle telecamere di sorveglianza nella zona. 

Potrebbe interessarti

  • Spiedo, grigliata: che bontà. Scopri le migliori del vicentino

  • Cerchi di rimanere incinta? Il primo passo è l'alimentazione

  • Forno a microonde: i vantaggi e rischi per la salute

  • I sintomi, la diagnosi, la terapia per riconoscere e affrontare l’intolleranza al lattosio

I più letti della settimana

  • Superenalotto, jackpot sfiorato: tripletta di cinque

  • Dove sono gli autovelox? Te lo dice l'app del cellulare

  • Zecca, Medusa, Zanzara, Cimice, Vespa, Calabrone, Vipera: cosa fare in caso di puntura

  • Truffa della "compagnia telefonica": entrano nel telefonino e le svuotano il conto corrente

  • Intervento miracoloso al San Bortolo: bimba di un anno salvata in extemis 

  • Muore al volante e si schianta contro la farmacia

Torna su
VicenzaToday è in caricamento