Truffe, virus, porno ricatti ed estorsioni on line: i casi nel Vicentino

Non solo sulle strade: ormai molta parte dell'attività delle forze dell'ordine si svolge nel mare magnum del web, dove inaccorti navigatori incappano in pirati e sirene senza scrupoli. Moltissimi i casi nel vicentino, tra cui un suicidio

Internet, un mare oscuro per i navigatori poco attenti

Internet è un mare vasto, dove i navigatori possono conoscere nuovi amici, magari incontrare l'amore, fare ottimi affari ma anche finire nelle maglie di pirati pericolosi e sirene tanto ammaliatrici quanto spietate. La metafora non è esagerata se si guarda al sempre crescente numero di denunce che le forze dell'ordine ricevono da vicentini rimasti, in qualche modo, intrappolati tra le maglie della rete. 

ADESCAMENTI I social network possono essere terreno fertile per maniaci sessuali che, fingendosi altre persone, contattano giovani e giovanissimi e li convincono ad un incontro dal vivo. Solo per citare uno dei tanti casi che abbiamo riportato negli ultimi anni, in questi giorni un operaio 45enne di Quinto Vicentino è stato rinviato a giudizio per abusi ai danni di tre ragazze, tra cui una 14enne. 

RICATTI Attirano le loro prede con foto provocanti e chat bollenti, li fanno spogliare davanti a una web cam e il gioco è fatto. Sono decine, se non centinaia, i vicentini che sono caduti nella trappola di presunte femme fatale che, dopo lo spogliarello, hanno chiesto una somma di denaro (da poche centinaia di euro a migliaia), per non rendere pubbliche le immagini compromettenti. 

RICHIESTE DI DENARO Creano finti profili di persone conosciute o di bellissime ragazze streniere, impetosiscono la vittima con storie strappalacrime e si fanno spedire somme di denaro, con le più svariate motivazioni, e poi svaniscono nel nulla. Nel dicembre del 2014, un operaio vicentino dilapidò i risparmi di famiglia e, per la vergogna, si tolse la vita

ACQUISTI FANTASMA Sono moltissimi i vicentini che, pensando di fare un buon affare, versano somme di denaro a venditori privati che pubblicano annunci su portali specializzati ma non riceveranno mai l'ogggetto dei loro desideri. Anche in questo caso, è molto difficile risalire al truffatore. 

VIRUS Video porno taggati da amici di Facebook che nascondono un virus in grado di catturare i dati bancari, finti browser che, in realtà, "prendono in ostaggio" i file presenti nel PC e chiedono un riscatto in denaro e chi più ne ha più ne metta. I pirati informatici sono astuti e inventano trappole sempre più sofisticate per ricavare denaro dalla loro attività criminale. L'unica soluzione è dotarsi di un efficace antivirus e di avere sempre la massima prudenza nel cliccare su link anche vagamente sospetti. 

TUTTE LE TRUFFE ON LINE

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal 1 giugno l'obbligo di mascherina all'aperto non c'è più

  • Riapertura di asilo, materne, centri estivi e le novità per la scuola a settembre

  • Eclissi: in arrivo lo spettacolo della 'Luna delle Fragole'

  • Runner sale sulla cresta, scivola e fa un volo di un centinaio di metri: muore 37enne

  • Coronavirus, stop mascherine all'aperto: nuova ordinanza di Zaia

  • Bonus casa 110%: tutte le informazioni per ristrutturare a costo zero

Torna su
VicenzaToday è in caricamento