“Sconti sulle tasse”, la nuova truffa agli anziani dei falsi impiegati

Fingono di essere dipendenti del Comune di residenza e propongono sconti riuscendo così a mettere a segno diversi furti nel Vicentino. Le forze dell'ordine consigliano: "Non aprite agli sconosciuti"

Truffe anziani

Si fingono impiegati del Comune di residenza e con questa scusa citofonano nelle abitazioni degli anziani cercando di entrare per mettere a segno un furto o una rapina.

FINTI OPERATORI SOCIALI IN VISITA AGLI ANZIANI

FALSI DIPENDENTI COMUNALI. Dunque non più solo tecnici del telefono, elettricisti o forze dell’ordine: da qualche tempo nei Comuni del Vicentino i ladri si sono “aggiornati” e per raggirare gli anziani utilizzano il metodo dei falsi dipendenti del Comune che visitano casa per casa con la scusa di offrire sconti sulle tasse.

LA TECNICA. Un metodo cui, complice la crisi e le bollette sempre più pesanti, tanti nonni non riescono a sottrarsi e, una volta aperto il portone, a quel punto il gioco è fatto: i sedicenti dipendenti raggirano i malcapitati e con una scusa qualsiasi si impossessano di oggetti di valore lasciati incustoditi. Le denunce in questi giorni si sono sprecate, soprattutto nel Comune di Cornedo, ma dalle forze dell’ordine il consiglio resta sempre lo stesso: “Non aprire agli sconosciuti”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ora solare 2019: conto alla rovescia per il cambio dell'ora (e presto ci saranno novità)

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie»

  • Tamponamento tra mezzi pesanti in A4: muore camionista vicentino

  • Scomparso sul Pasubio: trovato il corpo in un dirupo

  • Precipita dalla ferrata: gravissimo 28enne

  • Si allontana dalla comitiva durante l'uscita sulla Strada delle 52 gallerie: scatta l'allarme

Torna su
VicenzaToday è in caricamento