Trissino, gatto colpito e lasciato a morire: il colpevole rischia il carcere

Un gatto è stato colpito a morte sul musetto da una pistola ad aria compressa in via Oltre Agno di Sotto, a Trissino. E' stato ritrovato agonizzante da una passante e a nalla sono valse le cure dei volontari dell'Enpa. Ora si cerca il responsabile

Rischia il carcere il responsabile dell'uccisione del micio trovato agonizzante a bordo strada l'altro giorno, a Trissino. La bestiola è stata colpita da un colpo di pistola ad aria compressa in pieno musetto e a nulla sono valse le cure dei volontari dell'Enpa. L'uccisione di animali (art. 544 bis c.p.) è punita con la reclusione da 4 mesi a due anni di chiunque, "per crudeltà o senza necessità cagiona la morte di un animale". 

Secondo quanto riferisce Il Giornale di Vicenza, la bestiola è stata individuata in via Oltre Agno di Sotto, a Trissino, da una signora in auto. Ha chiamato subito aiuto ma per il gatto era ormai troppo tardi. Le successive indagini hanno permesso di risalire alla causa della morte: una rosa di pallini sparati da un'arma ad aria compressa in pieno muso. Le guardie zoofile sono a caccia del colpevole. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Tezze sul Brenta, in fiamme ultraleggero: un morto nella caduta

    • Cronaca

      Stoner, escursionista cade in dirupo e muore

    • Cronaca

      Vicenza, polizia in bicicletta in centro storico: le pattuglie partiranno a giugno

    • Cronaca

      Piovene Rocchette, lasciano acceso un fuoco: incendio devasta appartamento

    I più letti della settimana

    • Conco, ciclista ucciso: preso il pirata della strada

    • Rosà, auto precipita dal cavalcavia: grave 62enne

    • Tezze sul Brenta, in fiamme ultraleggero: un morto nella caduta

    • Thiene, lotta al degrado: blitz all'ex hotel La Torre

    • Stoner, escursionista cade in dirupo e muore

    • Vicenza, carta d’identità elettronica: dal 3 luglio si possono presentare le richieste

    Torna su
    VicenzaToday è in caricamento