Terremoto centro Italia, colonna mobile dei vigili del fuoco

Presente anche un'autoscala di Vicenza con due operatori sono al lavoro coordinati dal Coa di Macerata (comando operativo avanzato) come i 9 puntellatori provenienti dai comandi Belluno, Venezia e Verona

Le immagini degli edifici distrutti dal sisma in centro Italia

I vigili del fuoco della colonna mobile che nel pomeriggio di domenica hanno raggiunto le zone del sisma, oltre quelli già presenti sul posto, stanno operando nei diversi luoghi dell’Italia centrale colpiti dal sisma del 30 ottobre. Presente anche un’autoscala di Vicenza con due operatori sono al lavoro coordinati dal Coa di Macerata (comando operativo avanzato) come i 9 puntellatori provenienti dai comandi Belluno, Venezia e Verona.

Le sezioni operative Usar di Mestre e Venezia con i cinofili di Belluno presenti con 39 unità, stanno operando a Camerino dove suddivisi in piccole squadre gestiscono le richieste di soccorso attraverso un Ucl (unità comando locale) ed effettuano degli interventi di rimozione di situazioni di pericolo ai margini della zona rossa.

A Tolentino stanno operando la sezione operativa di Padova con nove operatori impegnati nei piccoli borghi intorno alla cittadina nell’assistenza alla popolazione, nel recupero beni. Presenti inoltre sempre a Camerino gli operatori Gos (gruppo operativo speciale) di Verona con le macchine operatrici movimento terra.

A Rieti un funzionario di Verona e uno di Padova e altri operatori sono impegnati presso il NIS (nucleo interventi speciali) per pianificare processi di realizzazione delle opere provvisionali. Un funzionario di Padova e 2 operatori prestano la loro opera al COA di Arquata del Tronto. Il personale operativo dei vigili del fuoco in zona sisma si avvicenderà nelle giornate di mercoledì e giovedì.

L'assessore regioanale alla protezione civile Gianpaolo Bottacin ha incontrato lunedì pomeriggio a Marghera (Venezia), nella sede operativa regionale, i coordinatori dei volontari veneti di protezione civile e i delegati delle province per fare il punto sugli aiuti da mandare nei comuni colpiti dal sisma nelle ultime ore.

"Il Veneto, come sempre, è pronto a fare la sua parte - ha puntualizzato Bottacin - e diversi gruppi di volontari sono già partiti dal bellunese, dal trevisano, dal padovano per raggiungere Camerino e gli altri tre paesi colpiti dalla tragedia, chi con il compito di portare una tenda pneumatica, chi per tenere in funzione i ponti radio, chi per collaborare in altro modo. Assieme alla colonna mobile dei Vigili del Fuoco veneti e a quella dell'Ana, già partite tra domenica e lunedì mattina, quella dei volontari in partenza nelle prossime ore sarà un ulteriore rinforzo per le popolazioni colpite".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo passati a rischio elevato, lunedì inaspriremo le regole»

  • Coronavirus, nuovo focolaio nel Vicentino: 4 i casi accertati, massiccio piano di isolamento

  • Parkour in stazione: 20enne trovato morto sul tetto di un treno

  • Covid-19 alla Laserjet, monta la polemica

  • Investe 45mila euro all’ufficio postale ma perde l’intero capitale

  • Bollo auto, chi paga e chi no: tutte le informazioni sulle esenzioni

Torna su
VicenzaToday è in caricamento