Tentano il furto in baita e fuggono a piedi nel bosco

Denunciati quattro giovani. I carabinieri hanno identificato due di loro grazie alle testimonianze del proprietario del rifugio, gli altri scovati con le immagini delle telecamere

La baita Campiglia

Hanno tentato un furto dopo aver scassinato la porta di ingresso ma sono stati nterrotti dal proprietario che si era accorto del reato in atto ed ha immediatamente chiamato il 112. L'episodio è avvenuto l'otto di agosto verso le 23 a a Valli del Pasubio in località Bocchetta Campiglia, presso la "Baita Campiglia".

I quattro responsabili, dopo il tentato furto, si sono dati alla fuga a bordo di una VW Polo. Le ricerche avviata dai carabinieri nel corso della notte hanno permesso, dopo diverse ore, di rinvenire il veicolo abbandonato, ed i quattro soggetti nella stessa zona mentre si allontanavano a piedi. I primi due sono stati denunciati immediatamente in quanto riconosciuti dalla vittima, mentre gli altri nei giorni successivi a seguito dell’analisi del sistema di videosorveglianza.

Nei guai per tentato furto aggravato in concorso: K.P., nato a Thiene classe 1988; H.D., nato a Pordenone classe 1978; H.F., nato a Thiene classe 1984; H.C., nato a Thiene classe 1999. Tutti gravati da pregiudizi di polizia.

Potrebbe interessarti

  • Spiedo, grigliata: che bontà. Scopri le migliori del vicentino

  • Forno a microonde: i vantaggi e rischi per la salute

  • Il parco è in condizioni pietose: «chiuso per degrado»

  • I sintomi, la diagnosi, la terapia per riconoscere e affrontare l’intolleranza al lattosio

I più letti della settimana

  • Superenalotto, jackpot sfiorato: tripletta di cinque

  • Truffa della "compagnia telefonica": entrano nel telefonino e le svuotano il conto corrente

  • Zecca, Medusa, Zanzara, Cimice, Vespa, Calabrone, Vipera: cosa fare in caso di puntura

  • Dove sono gli autovelox? Te lo dice l'app del cellulare

  • Intervento miracoloso al San Bortolo: bimba di un anno salvata in extemis 

  • Devastante rogo in un'azienda agricola: danni ingenti

Torna su
VicenzaToday è in caricamento