Ha violentato per mesi una bambina: in carcere dopo 11 anni

La terribile vicenda risale al 2008 quando la figlia di un'amica dell'uomo è stata ripetutamente oggetto di abusi da parte di un ghanese, arrestato mercoledì dai carabinieri e condannato a 4 anni e sei mesi di reclusione

Foto di archivio

Ha abusato sessualmente per mesi di una bambina di appena 11 anni, figlia di un amica, e per questo è stato condannato a  4 e mesi 6 di reclusione e trasferito in carcere nel pomeriggio di mercoledì dai carabinieri di Thiene. Il brutale episodio assume dei connotati ancora più terribili se si pensa che l'episodio è avvenuto ben 11 anni fa. 

O. E. 47enne di nazionalità ghanese, residente a Thiene è stato infatti arrestato in riferimento alla  precedente denuncia minuziosa inviata nel 2008 alla Procura della Repubblica di Vicenza, da parte del Servizio tutela Minori dell’U.L.SS. N.4 “Alto Vicentino” per i reati di violenza sessuale aggravata e atti sessuali con minorenni commessi nel periodo giugno-settembre 2008 a Zugliano.

Il pedofilo stupratore ha agito in danno della bambina all'epoca minorenne, figlia di una connazionale della quale saltuariamente aveva la custodia e, a quanto sembra, non è mai entrato in un regime di carcerazione preventiva. 

Potrebbe interessarti

  • Scutigera: quante ne avete in casa? Sono da non uccidere!

  • Spiedo, grigliata: che bontà. Scopri le migliori del vicentino

  • Cerchi di rimanere incinta? Il primo passo è l'alimentazione

  • I sintomi, la diagnosi, la terapia per riconoscere e affrontare l’intolleranza al lattosio

I più letti della settimana

  • Dove sono gli autovelox? Te lo dice l'app del cellulare

  • Zecca, Medusa, Zanzara, Cimice, Vespa, Calabrone, Vipera: cosa fare in caso di puntura

  • Intervento miracoloso al San Bortolo: bimba di un anno salvata in extemis 

  • Muore al volante e si schianta contro la farmacia

  • Travolto sulle strisce pedonali: muore anziano

  • LR Vicenza, Calciomercato: il mago dei jeans contro il palazzinaro australiano

Torna su
VicenzaToday è in caricamento