"Stuprata, mi costringeva a fare la pornostar": commerciante alla sbarra

Finisce in tribunale la storia di una commessa ceca di 43 anni che accusa di stupro il suo titolare: "Mi costringeva a filmini porno anche con 38 gradi di febbre"

Immagine di archivio

Approda in tribunale il caso di una commessa ceca di 43 anni che accusa il suo titolare, un commerciante 51enne, di averla ripetutamente costretta ad atti sessuali. Secondo le denunce della donna riportate dal Giornale di Vicenza, l'uomo la avrebbe costretta a fare sesso dietro il ricatto del licenziamento.

La donna ha riferito di essere stata umiliata sessualmente numerose volte, sempre davanti a una telecamera, anche in condizioni di salute precarie. I fatti risalgono al periodo tra il novembre 2012 e marzo 2013 e la testimonianza è sul tavolo del tribunale di Padova. Il vicentino è stato accusato per lo stesso reato anche da una seconda presunta vittima, adescata su internet. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, caso sospetto nel Vicentino: potrebbe essere il "paziente zero"

  • Coronavirus: sei tamponi nel Vicentino, San Bortolo sommerso dalle telefonate

  • Coronavirus, massima allerta in Veneto: «Pronti a misure drastiche»

  • Coronavirus, tre casi lievi in provincia

  • COVID-19, tutti negativi i tamponi nel Vicentino: 32 i contagiati in Veneto. Sesto morto in Italia

  • Coronavirus, monta la paura: Regione attiva cordone sanitario, altri 7 tamponi positivi

Torna su
VicenzaToday è in caricamento