Troupe di Striscia la notizia aggredita in un centro di addestramento per cani

L'episodio è avvenuto ieri sera, nel campo di addestramento cinofilo "Società Amatori Shaferhunde" a Breganze, Vicenza. Edoardo Stoppa e l'operatore sono stati assaliti da un 47enne di Valdagno e sono stati ricoverati

Edoardo Stoppa, dopo un'aggressione precedente

Stavano riprendendo l'utilizzo di collari ad impulsi elettrici e con punte affilate per addestrare i cani, quando sono stati aggrediti da un socio del campo di addestramento. Solo l'intervento dei carabinieri, che erano sul posto per  eseguire delle indagini sul maltrattamento degli animali, ha impedito che la troupe di Striscia la notizia subisse conseguenze più gravi. LEGGI ALTRI ARTICOLI SUI MALTRATTAMENTI AGLI ANIMALI

L'episodio è accaduto intorno alle ore 22.30 di ieri 15 maggio 2013, a Breganze nella Strada della Seriola, presso il campo di addestramento cinofilo di proprietà della “Società Amatori Shaferhunde” - Sezione di Vicenza. Al servizio di controllo sul benessere degli animali, effettuato dai carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Padova in collaborazione con i militari della Stazione di Breganze, era presente anche la troupe per documentare i maltrattamenti dei cani in fase di addestramento. 

Un 47enne socio della predetta associazione amatoriale, residente a Valdagno, dopo avere ripetutamente invitato l’operatore televisivo a spegnere la telecamera, con mossa repentina lo aggrediva, colpendolo con calcio all’inguine, che lo faceva rovinare per terra sul terreno erboso. Immediatamente veniva bloccato dai carabinieri per impedirgli di portare a compimento ulteriori aggressioni, mentre l’operatore veniva fatto trasportare all’ospedale civile di Santorso, ove si trova tuttora trattenuto per accertamenti. Nel medesimo contesto anche l’inviato Edoardo Stoppa ed un suo collaboratore, per asserite aggressioni da parte del 47enne di Valdagno, ricorrevano alle cure mediche dei sanitari del predetto nosocomio.

Mentre lo Stoppa se la cavava con una “distorsione e distrazione del collo” e dopo qualche ora veniva dimesso, il suo collaboratore veniva trattenuto in ospedale per accertamenti più approfonditi. Nel corso della loro attività ispettiva i militari del NAS di Padova sequestravano, per ulteriori accertamenti, 1 collare ad impulsi elettrici completo di telecomando ed 1 collare in acciaio con punte affinate, rinvenuti addosso ad cane che aveva appena completato l’addestramento, mediante l’utilizzo dei predetti oggetti il cui impiego è vietato. Dell’aggressione è stata notiziata la Procura della Repubblica del Tribunale di Vicenza, a cura dei Carabinieri della Stazione di Breganze che proseguono le indagini in collaborazione con i colleghi del NAS di Padova.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cimici in casa? Ecco come allontanarle subito

  • Scomparso sul Pasubio: trovato il corpo in un dirupo

  • Atletica in lutto: Alen non ce l'ha fatta, giovane promessa muore a 18 anni

  • Si allontana dalla comitiva durante l'uscita sulla Strada delle 52 gallerie: scatta l'allarme

  • Violento schianto auto-moto in provincia: centauro in gravi condizioni

  • Inciampa e parte un colpo di fucile: muore cacciatore

Torna su
VicenzaToday è in caricamento