Strage di Tunisi, famiglia vicentina fa causa alla Costa: "Traumatizzati"

Due famiglie di turisti veneti rimasti traumatizzati dall'attentato del Museo del Bardo si sono rivolte a uno studio legale per ottenere il risarcimento di tutti i danni patiti

Le drammatiche immagini della strage

Due famiglie di turisti veneti, una veronese, l'altra vicentina, rimasti traumatizzati dall'attentato del Museo del Bardo, il 18 marzo scorso, si sono rivolte a uno studio legale per ottenere il risarcimento di tutti i danni patiti. Le famiglie si trovavano lì per un'escursione in programma durante una crociera e si sono ritrovate a rischiare la vita tra raffiche di kalashnikov.  Morirono 142 persone

“E' incomprensibile come una società quale Costa Crociere, che dovrebbe essere perfettamente informata sulla situazione politica e di sicurezza dei Paesi meta dei suoi viaggi, si ostini a sostenere che l'attentato al Museo del Bardo, a Tunisi, era assolutamente imprevedibile e imprevisto. Omettendo di citare i ripetuti segnali che, al contrario, certificavano l'altissimo rischio a cui ci si poteva esporre visitando la città: il Ministero degli Esteri italiano aveva segnalato la pericolosità di frequentarne i luoghi pubblici e, mentre si consumava la mattanza, il Parlamento tunisino era riunito proprio per deliberare nuove e più incisive misure antiterrorismo”.

"Le due coppie non imputano alla compagnia solo una buona dose di disorganizzazione e scarsa professionalità nell'affrontare la grave situazione venutasi a creare (passeggeri costretti a rientrare da soli, scarse informazioni, sostegno psicologico prestato in ritardo, attraverso due sole psicologhe arrivate soltanto due giorni dopo i fatti, etc.) - spiega Ermes Trovò, amministratore unico di Studio 3A, che ha preso carico della pratica - Ma soprattutto la decisione stessa di portare i passeggeri in visita al Museo nonostante le avvisaglie di pericolo, e senza che venisse adottata alcuna misura per l'incolumità dei viaggiatori".

“Costa Crociere poteva, anzi doveva sapere che in Tunisia e a Tunisi sussisteva un grave pericolo di attentati terroristici; con la sua scelta, quanto meno leggera, di organizzare una visita in uno dei luoghi più a rischio, come il Museo del Bardo, e senza adeguate misure di sicurezza, ha messo a repentaglio le vite dei turisti – conclude Trovò - Come tale, adesso, deve assumersi le proprie responsabilità e farsi carico di tutte le conseguenze arrecate loro. Non può cavarsela con il semplice rimborso dei biglietti della crociera e poco altro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal 1 giugno l'obbligo di mascherina all'aperto non c'è più

  • Riapertura di asilo, materne, centri estivi e le novità per la scuola a settembre

  • Eclissi: in arrivo lo spettacolo della 'Luna delle Fragole'

  • Runner sale sulla cresta, scivola e fa un volo di un centinaio di metri: muore 37enne

  • Schianto tra moto sul Grappa: padre e figlia perdono la vita

  • Coronavirus, stop mascherine all'aperto: nuova ordinanza di Zaia

Torna su
VicenzaToday è in caricamento