No ai super vigili: è sciopero

Dopo settimane di tensione e batti e ribatti, il sindacato di base proclama lo statto di agitazione: lunedì l'incontro dal prefetto

Dichiarato lo stato di agitazione sindacale di tutto il personale Operatore di Vigilanza del Comando polizia locale del Comune di Montecchio Maggiore. L'incontro con il prefetto è in programma lunedì

Le motivazioni

Come emerso dal dibattito in questi ultimi giorni, le motivazioni dello stato di agitazione sono l'estensione dei turni fin oltre la mezzanotte in presenza di una carenza d’organico preoccupante, che non consente la giusta rotazione del personale e il recupero psico-fisico dei lavoratori coinvolti; I repentini cambi di turno, i divieti imposti alle richieste di ferie e permessi, i servizi di pattugliamento con un solo operatore senza che alcuno sia presente in comando, l’impiego di agenti senza arma in turni serali e notturni; I chiari segnali di malessere di stress da lavoro correlato, sempre sottovalutati dall’amministrazione, che si manifestano in reiterate richieste di mobilità esterna e/o in prescrizioni certificate dal medico aziendale; le certificazioni prodotte sono state pubblicamente derise nel corso in un incontro con la Giunta municipale; Il mancato rispetto delle basilari norme sulla sicurezza come ad esempio il riposo di 11 ore consecutive sempre denunciato dali sindacati allo Spisal;  La mancanza sostanziale del DVR per quanto riguarda i rischi specifici tarati sul personale presente, anche con riferimento allo stress da lavoro correlato, e le richieste sempre più pressanti di servizio stradale all’esterno senza alcuna valutazione dei rischi da parte del datore di lavoro.

Cosa si chiede

Orario in due turni giornalieri fino alle 19 da lunedì a giovedì. Il venerdì e il sabato terzo turno fino alle ore 24.00. Domenica solo per eventi legati a progetti programmati e finanziati con risorse L.208. Il rispetto dei riposi obbligatori per legge e la presenza costante di almeno un agente in centrale operativa per tutta la durata del servizio.  Pattuglie esterne in presenza di almeno due operatori armati In caso di esito negativo dell’incontro in oggetto la scrivente si riserva di attuare tutte le forme di mobilitazione del personale che saranno utili al raggiungimento degli obiettivi sopra elencati, non ultima la proclamazione di giornate di sciopero. Visto l’art 2 comma 2 della Legge 146/90 e successive modificazioni si ribadisce la richiesta dell’incontro di raffreddamento nei termini stabiliti. Distinti saluti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tragedia sul lavoro: operaio trovato morto dal collega

  • Politica

    PFAS: «Il rapporto del Noe inchioda anche la Regione»

  • Incidenti stradali

    Schianto tra auto: tre feriti, uno gravissimo

  • Economia

    Crisi Diesel, l'addio dell'ad è un déjà vu: divergenze col patron

I più letti della settimana

  • Ora legale nel 2019: quando spostare le lancette

  • Crisi Diesel: l'amministratore delegato lascia l'incarico

  • Addio, amico Gianni

  • Si schianta contro un albero: pensionato gravissimo

  • Morto in moto in Algeria il papà del ministro Erika Stefani

  • Climate change in farsa valdagnese

Torna su
VicenzaToday è in caricamento