Morta a 42 anni, non si esclude nessuna pista: indagato il compagno

L'autopsia sul corpo di Kader Casarotto, la 42enne trovata sul letto in fin di vita e poi deceduta in ospedale, presenta un quadro clinico complesso sul quale c'è ancora uno stretto riserbo. Investigatori al lavoro per stabilire se i lividi trovati sul corpo della donna siano correlati alla morte

La palazzina dove abitava la donna

Indagini ancora in corso sulla morte di Kader Casarotto, la 42enne trovata da una sua amica in fin di vita nel letto con diverse ferite al volto e sul corpo. La donna, ricoverata in come all’ospedale di Santorso, è deceduta dopo due giorni. La procura ha aperto un’inchiesta e, da quello che risulta, avrebbe iscritto nel registro degli indagati il compagno della 42enne.

LA VICENDA

Nel frattempo c’è il più stretto riserbo sul referto dell’autopsia sul corpo della donna il cui cadavere presenterebbe dei lividi ma è ancora tutto da verificare se questi siano direttamente collegabili al decesso. A quanto sembra Casarotto aveva assunto un mix di farmaci e di sostanze stupefacenti.

Al momento nessuna ipotesi è esclusa, compreso quella di un gesto volontario o di una violenza che potrebbe aver portato Kader prima in coma e poi alla morte.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Elezioni Europee, seggi chiusi: affluenza al 66%

  • Politica

    Affluenza Elezioni Comunali: i dati finali

  • Cronaca

    Montascale per disabili rotto: «Costretta a votare sopra a un bidone delle immondizie»

  • Incidenti stradali

    L'appello su Facebook per trovare il pirata: «Mi è venuto addosso ed è scappato senza fermarsi»

I più letti della settimana

  • Incidente in Autostrada: chilometri di coda

  • Malore fatale alla guida: muore un 50enne

  • Auto piomba nella pasticceria, tragedia sfiorata

  • Nuova tragedia sul "ponte dei suicidi"

  • Adottato da una coppia vicentina il neonato abbandonato a Rosolina

  • Frontale tra due auto: traffico in tilt

Torna su
VicenzaToday è in caricamento