«Ve la farò pagare»: porte della casa di riposo distrutte a sassate

Momenti di terrore questa mattina, giovedì, alla casa di riposo Muzan, in via Barbè 39 a Malo. Indagini in carico ai carabinieri

Una delle vetrate danneggiate

Urla e i colpi tremendi dei sassi scagliati contro la vetrata. Risveglio shock per gli ospiti della casa di riposo Muzan, a Malo, e tanta paura per gli operatori presenti. 

Secondo quanto riferito da un testimone, questa mattina alle 4 e 30, un uomo con il volto travisato ha cominciato a tempestare le vetrate dell'ingresso dell'edificio con delle pietre, urlando frasi minacciose. Dopo alcuni terribili minuti, si è dato alla fuga, non prima di aver colpito anche alcune telecamere di video sorveglianza. Ingenti i danni alla struttura, oltre al comprensibile spavento del personale che ha assistito impotente alla scena. 

La direttrice della struttura si è recata nella caserma dei carabinieri di Malo per sporgere denuncia. Indiscrezioni riferiscono che ci sarebbe già un sospettato, ma gli investigatori sono al lavoro per completare il quadro probatorio, anche grazie ai filmati che hanno immortalato il raid. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro, fatale caduta mentre sta operando su un macchinario: muore 59enne

  • Covid-19 alla Laserjet, monta la polemica

  • Tara Gabrieletto e Cristian Gallella si sono separati, l'annuncio sui social dell'ex tronista

  • Bollo auto, chi paga e chi no: tutte le informazioni sulle esenzioni

  • Covid-19, il "caso" Laserjet: "Nessun contatto da settimane con Lino"

  • Muore in circostanze misteriose, la procura dispone l'autopsia

Torna su
VicenzaToday è in caricamento