San Vito di Leguzzano, maxi-rissa in strada: si picchiano in 25

Un vero proprio incontro per regolare i conti quello che ha visto contrapporsi due famiglie di nomadi. Nella baraonda sono spuntati anche bastoni e spranghe. La lite è stata fermata dai carabinieri

Un comune da 3mila abitanti ma nel quale può capitare di assistere a scene da periferia degradata di una metropoli. A San Vito di Leguzzano la rissa che è scoppiata domenica sera in via Pecori Giraldi tra due famiglie di nomadi ha numeri da record. Erano infatti in ben 25 a darsele di santa ragione, prima con pugni e sberle e poi con spanghe e bastoni fino all'arrivo dei carabinieri e al conseguente fuggi-fuggi generale. 

Secondo una prima ricostruzione la causa scatenante della rissa sarebbe stato un regolamento di conti, oganizzato precedentemente e legato alla morte di un componente delle due famiglie ma la questione potrebbe essere legata anche alla "spartizione" di un territorio spesso oggetto di furti. 

Sul fatto stanno indagando le forze dell'ordine che, quando sono arrivati sul luogo, avrebbero fermato solo alcuni dei nomadi. Quattro dei litiganti sono finiti al pronto soccorso a Santorso riportanto contusioni in volto e in altre parti del corpo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro, fatale caduta mentre sta operando su un macchinario: muore 59enne

  • Perde il controllo della moto e si schianta: muore 42enne

  • Ha un infarto all'inizio del cammino: morto escursionista

  • Moto fuori strada: morto un 38enne, ferita una 22enne

  • Coronavirus, altri nuovi casi: positive due sorelline di 3 e 6 anni

  • Malore improvviso: muore automobilista

Torna su
VicenzaToday è in caricamento