San Pietro Mussolino, torrente Valdangola Val Mora messo in sicurezza

Esercitazione della Protezione Civile del Gruppo A.N.A. in programma sabato 8 luglio

Trent’anni dopo il gruppo di Protezione Civile A.N.A. Valchiampo si riunisce nuovamente a San Pietro Mussolino per un’esercitazione che prevede la cura e la messa in sicurezza del letto del torrente Valdangola Val MoraSabato 8 luglio, dalle 8 alle 12.30, i volontari del gruppo taglieranno gli alberi e gli arbusti che impediscono il regolare defluire dell’acqua. I cittadini sono quindi invitati in via Don Giovanni Cosaro per vedere i lavori di sistemazione e messa in sicurezza del torrente oramai in stato di alto pericolo per l'elevata vegetazione che ne sta ostruendo pericolosamente il letto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A San Pietro Mussolino, nel 1987, si riunì per la prima volta il gruppo di Protezione Civile A.N.A. Valchiampo. Sono passati 30 anni, nei quali centinaia di volontari  si sono prodigati per la sicurezza del territorio della Valchiampo ma anche per altre zone del Paese che si sono trovate ad affrontare eventi meteorologici avversi, terremoti o disastri ambientali. Ricordiamo solo che, a distanza di pochi giorni dalla creazione, il gruppo affrontò un primo intervento proprio tra Altissimo e San Pietro Mussolino per il disastro di avvelenamento trote.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo passati a rischio elevato, lunedì inaspriremo le regole»

  • Coronavirus, nuovo focolaio nel Vicentino: 4 i casi accertati, massiccio piano di isolamento

  • Parkour in stazione: 20enne trovato morto sul tetto di un treno

  • Covid-19 alla Laserjet, monta la polemica

  • Investe 45mila euro all’ufficio postale ma perde l’intero capitale

  • Bollo auto, chi paga e chi no: tutte le informazioni sulle esenzioni

Torna su
VicenzaToday è in caricamento