Massacra il padre di botte: il vizio del gioco all'origine della tragedia

Sarebbe stato il figlio Salvatore, 49 anni, a ridurre in fin di vita Francesco Pangallo, trovato in un lago di sangue nel suo appartamento in via Beschin a Montecchio Maggiore

Sarebbero il vizio del gioco e i conseguenti problemi economici la causa scatenante della violenta aggressione avvenuta giovedì mattina in un condominio in via Beschin, Montecchio Maggiore. 

Nella tarda serata di ieri, venerdì, i carabinieri hanno fermato e portato in carcere Salvatore Pangallo, 49 anni, con l'accusa di aver tentato di uccidere il padre 89enne, Francesco, che si trova ricoverato in fin di vita al San Bortolo.

L'uomo era stato ritrovato dalla moglie in un lago di sangue e subito i sospetti dei carabinieri si erano incentrati su uno dei figli della coppia, che attualmente vive con loro, e risultava irrintracciabile. 

Il sospettato è stato fermato proprio nei pressi della caserma di Vicenza; sembra che stesse pensado di costituirsi ed avrebbe già fatto alcune ammissioni. 

Articolo in aggiornamento

Potrebbe interessarti

  • Scutigera: quante ne avete in casa? Sono da non uccidere!

  • Cerchi di rimanere incinta? Il primo passo è l'alimentazione

  • La sabbia è difficile da eliminare: ecco tutti i trucchi per liberarsene

  • Sembra banale ma lavarsi le mani è fondamentale: ecco come farlo

I più letti della settimana

  • Dove sono gli autovelox? Te lo dice l'app del cellulare

  • Intervento miracoloso al San Bortolo: bimba di un anno salvata in extemis 

  • Giovane tenta il suicidio dandosi fuoco nell'auto: il gesto estremo di una 26enne

  • Schianto auto-moto: muore 43enne, grave la fidanzata

  • Furia violenta alla vista della ex: auto contro l'entrata del pub

  • Cade da un albero e batte la testa: 44enne in rianimazione

Torna su
VicenzaToday è in caricamento